Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Fogli&Foglie, la 4a puntata del Festival dei Libri Erga

Fogli&Foglie, la 4a puntata del Festival dei Libri Erga

Ecco i tre appuntamenti di "Fogli & Foglie" al Parco Avventura di Genova Righi organizzati da Erga edizioni per lunedì 6, martedì 7 e mercoledì 8 luglio

di Valerio Cruciani

GENOVA - Un immigrato a Genova degli anni '60, passeggiare sui monti di Genova e un laboratorio sull'Inno d'Italia: questi i tre appuntamenti di "Fogli & Foglie" al Parco Avventura di Genova Righi organizzati da Erga edizioni per lunedì 6, martedì 7 e mercoledì 8 luglio alle 18.30

LUNEDì - Lunedì 6 luglio Marina Savoia e un “Genovese del Sud”, Temistocle Saponiero, spiegano che raccontare allunga le storie e la nostra vita. E anche che la nostalgia e i ricordi d'infanzia creano spesso sensazioni di sicurezza e rafforzano l'identità. Saponiero prende avvio dai primi anni del Dopoguerra, dalla vita dura, aspra, ma sincera, di un piccolo paese nella provincia di Avellino, e attraverso brevi racconti d’infanzia e di adolescenza ritorna alle fatiche del lavoro nei campi, alle grandi famiglie strette in piccole case, alle speranze per un futuro migliore riposte nell'istruzione e nella cultura, fino alla vita da emigrato al Nord Italia e all'arrivo in una città (Genova, in particolare Pegli) certo diversa dal paese natale, ma che si può finalmente chiamare Casa. Il volume è arricchito da alcune splendide immagini del fotografo Frank Cancian, cui è dedicato il MAVI, Museo Antropologico Visivo Irpino di Lacedonia. Negli anni 70 il sociologo Fred Davis ha scoperto che la nostalgia, i ricordi d’infanzia provocano spesso sensazione di sicurezza, per questo ha affermato che o sguardo al passato rappresenta un potente strumento per affermare la propria identità, rafforzare l’autostima e rendere più solido il legame con le persone che amiamo. Un libro tutto da leggere per verificare quanto veri siano questi studi.

MERTEDì - Martedì 7 luglio il giornalista e scrittore Pietro Tarallo, assieme a Cesare Lombardo, Manuele Vecchi e Cristiano Fio, e di "101 Gite in Liguria", raccontano che camminare fa bene soprattutto ai bambini e descrivono non solo le più belle passeggiate sui monti di Genova (per scoprire oltre 50 itinerari turistici originali, per escursionisti esperti, neofiti, e famiglie), ma anche della Val Trebbia, nel comprensorio del Parco dell’Antola, uno straordinario ecosistema dalla grande varietà di flora, fauna, minerali e rocce, incorniciato dall'Alta Via dei Monti Liguri. Camminare aiuta il cervello a concentrarsi, a combattere la depressione e a migliorare i legami sociali. Nel 2018 uno studio ha associato la depressione delle persone anziane alla sedentarietà. Passeggiare sincronizza i movimenti e ci porta a sentire più vicini gli amici.

MERCOLEDì - Mercoledì 8 luglio L’Inno d'Italia raccontato ai bambini, Laboratorio di narrazione teatrale a cura di Fiorella Colombo e Giuseppe Pellegrini. Perché raccontare l’Inno d’Italia ai bambini e ai ragazzi, ci offre la possibilità di fare educazione alla Cittadinanza e Costituzione in modo accattivante e alternativo. I nostri ragazzi lo cantano negli stadi, ma forse non si rendono conto di ciò che stanno davvero dicendo. Il nostro Inno diventa così il trampolino di lancio per giungere fino ai giorni nostri.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati