Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Motori

Formula E: il lavoro con il simulatore costituisce la base per il successo in pista

Formula E: il lavoro con il simulatore costituisce la base per il successo in pista

Valentino Conti (GER) coordina le operazioni di gara della BMW i Andretti Motorsport e spiega il processo alla base del lavoro con il simulatore

di Claudio Carassiti

MONACO - Con la prospettiva che la Nürburgring Endurance Series (NLS) inizi la sua stagione alla fine di giugno, i preparativi per la prima uscita in gara del BMW Junior Team stanno riprendendo velocità. Se la situazione lo consentirà, i Juniors faranno i loro primi giri di gara sul Nordschleife il 27 giugno. Un osservatore appassionato sarà Jochen Neerpasch. Il primo Managing Director di BMW Motorsport GmbH e del BMW Junior Team sta supportando l'attuale gruppo di Juniors - Dan Harper (GBR), Max Hesse (GER) e Neil Verhagen (USA) - come mentore. In un'intervista, confronta la loro situazione attuale con le condizioni del primo leggendario BMW Junior Team nel 1977.

IL RITuale - Prima dell'inizio dell'attuale pausa forzata, era il rituale prima di ogni fine settimana di gara di Formula E, con ingegneri e piloti del team BMW i Andretti Motorsport che si preparavano insieme nel simulatore per l'evento in arrivo. Solo in questo modo è possibile affrontare professionalmente le sfide uniche poste dai regolamenti di Formula E - sfide che si spera verranno riproposte presto quando la Stagione 6 sarà in grado di riprendere. Con sessioni di prove, qualifiche e gara nello stesso giorno, ai team non resta quasi più tempo per i test e il lavoro di sviluppo. Tutto questo deve essere fatto in anticipo. «Se non avessimo effettuato i test nel simulatore in precedenza, ci sarebbero mancate molte prestazioni», ha dichiarato Conti, che ha ricoperto il ruolo di capo ingegnere dall'inizio della stagione in corso. «Qualsiasi conoscenza che non acquisisci nel simulatore è molto difficile da ottenere sul circuito».

I PREPARATIVI - Di norma, i preparativi intensivi degli ingegneri BMW i Andretti Motorsport iniziano con riunioni di pianificazione e un test funzionale per il software, che fornisce al simulatore i rispettivi dati di circuito e auto. Quasi tutti gli ingegneri e i due piloti, Maximilian Günther (GER) e Alexander Sims (GBR), si incontrano nella settimana che precede la gara. Chiunque non sia in grado di essere presente può partecipare alle sessioni online. «Il 95 percento degli ingegneri è solitamente coinvolto nei preparativi, oltre ad alcune persone responsabili del processo operativo nel simulatore», ha dichiarato Conti, che ha continuato a spiegare la sua filosofia. «Mi piace avere quante più persone possibile ai test del simulatore, siano essi ingegneri o piloti. Secondo me, questo è un imperativo. L'intero team arriva in pista con una base totalmente diversa quando si tratta di conoscenza ed esperienza. È molto difficile trasmettere queste conoscenze sul posto a qualcuno che non era presente durante i preparativi».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Vaccino anti-Covid: ti immunizzerai quando il vaccino sarà disponibile per tutti?

Risultati