Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Fra arte e storia, un viaggio alla scoperta della “Siena Audace”

Fra arte e storia, un viaggio alla scoperta della “Siena Audace”

Un ciclo di incontri che rivelano il coraggio di quei senesi che seppero intraprendere battaglie per l’affermazione del bene

di Federico Marconi

SIENA - “Siena Audace”: è questo il titolo di una serie di quattro conferenze (ad ingresso libero) con cui l’Associazione Archeosofica inizia la sua attività culturale del 2020. Il ciclo di incontri propone una lettura singolare della città attraverso l’analisi di alcuni particolari momenti storici e di una serie di figure fondamentali per la cultura senese, le cui gesta evidenziano l’audacia quale virtuosa attitudine per intraprendere battaglie finalizzate all’affermazione del bene, del vero e del giusto.

L'AUDACIA - L’audacia diviene quindi il fil rouge che lega una serie di “exempla”. Fu audace il templare san Galgano, fedele monaco-guerriero, vero e proprio modello di riferimento per il cavaliere medievale e lo fu santa Caterina che con il suo messaggio e la sua vita cambiò il volto mistico di Siena e quello del papato. E ancora l’audacia fu musa ispiratrice per l’arte pittorica del più grande artista-filosofo del medioevo italiano, Ambrogio Lorenzetti e audaci furono quei senesi che nel periodo risorgimentale chiesero per plebiscito l’annessione all’Unità d’Italia animati da quegli ideali che poi vennero sigillati negli affreschi che decorano la Sala del Risorgimento all’interno del Palazzo Pubblico di Siena ad opera di alcuni artisti della scuola purista senese.

LE CONFERENZE - Le conferenze si terranno il sabato alle ore 17.30 nella sede dell’Associazione Archeosofica di Siena (in via Banchi di Sopra, 72) a partire dal 25 gennaio, quando Leonardo Burrini parlerà di “Siena per il Risorgimento”. Quindi sabato 1 febbraio Giulia Ercole presenterà “Siena Città Templare” mentre sabato 8 febbraio “L’Allegra Brigata: la Siena di santa Caterina” sarà il tema presentato dalle relatrici Giulia Ercole e Chiara Gelli. Ultimo appuntamento è sabato 15 febbraio con “Siena e i suoi geni: Ambrogio Lorenzetti Fedele d’Amore” sempre a cura di Giulia Ercole. I quattro incontri saranno arricchiti da una serie di visite guidate che prenderanno il via il 23 febbraio dalla Pinacoteca di Siena (con inizio alle ore 10.15).

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Vaccino anti-Covid: ti immunizzerai quando il vaccino sarà disponibile per tutti?

Risultati