Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Motori

Francesco Fanari al primo via stagionale del "tricolore" su terra: centrata la top ten

Francesco Fanari al primo via stagionale del "tricolore" su terra: centrata la top ten

Una gara difficile per l’esordio nel Campionato Italiano #rally Terra

di Claudio Carassiti

FOLIGNO - Francesco Fanari ha concluso la prima gara tricolore del 2020 in nona posizione assoluta, al termine di due giorni decisamente in salita nel contesto del 14° #rally “Città di Arezzo- Crete Senesi e Valtiberina, disputato nel fine settimana appena trascorso.

IL RITORNO - Il pilota umbro di Foligno, portacolori della scuderia Project Team, a quasi un anno dall’ultima uscita agonistica, risalente allo scorso settembre, nella gara casalinga del “Nido dell’Aquila”, ha preso il via al volante della Skoda Fabia R5 del #teamstepfivemotorsport, gommata Pirelli, affiancato per la prima volta da Mattia Nicastri, ha disputato un #rally dal ritmo altalenante, senza mai trovare la giusta velocità.

IL RISULTATO - Il risultato, sulle tecniche e veloci prove speciali della gara disputata nelle strade bianche del senese e della provincia aretina, seppur sperato, non era affatto scontato, dato l’alto valore delle forze in campo, con al via i principali specialisti italiani delle gare su terra (con ben 28 vetture di classe R5 al via), oltre che per le palesi incognite di avere un nuovo copilota al fianco e condizionato anche dal caldo estremo sofferto nei due giorni di gara e dalla tanta polvere del secondo giorno di prove.

LA GARA - Fanari, partito dalla quindicesima posizione iniziale, ha dunque affrontato la gara in progressione, interpretando al meglio possibile le sette prove speciali in programma, cercando di ritrovare a piccoli passi gli equilibri necessari per affrontare un impegno di così alto livello con la Fabia R5, pensando di archiviare la gara come utile lavoro in vista delle prossime di campionato, ad iniziare dal Rally di San Marino di fine mese.

IL COMMENTO - “Bicchiere mezzo pieno. Mi aspettavo sinceramente di più, ma una. volta partiti ho percepito immediatamente che sarebbe stata dura. Davvero dura. Abbiamo fatto un ottimo lavoro di preparazione alla gara, ma evidentemente qualcosa non ha funzionato come mi aspettavo. Certamente lo stop dallo scorso settembre non mi ha aiutato e ritrovare il ritmo non è stato per nulla facile. Il feeling con la Fabia R5 mi è sembrato abbastanza buono sul finire di gara e questo mi fa pensare in positivo per le prossime. Lavoreremo subito per capire gli errori commessi, poi la testa andrà subito a San Marino

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati