Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Galleria Varsi presenta “This art is too smart”

Galleria Varsi presenta “This art is too smart”

La mostra dell’artista ucraino Vladimir Manzhos, aka Waone

di Flavia Cruciani

ROMA - «Non ho mai fatto scelte semplici, perché erano troppo noiose. Ho smesso di dipingere graffiti perché era troppo facile; poi ho mollato lo spray e sono passato all’acrilico e ai pennelli per lo stesso motivo, finendo col dipingere murales bianchi e neri in migliaia di linee e di pennellate. Ho sempre cercato le composizioni più complesse con un livello frattale di dettagli, ispirandomi agli antichi maestri. Ho creato un universo surreale e multi simbolico ispirato a scienza, natura, magia e pratiche spirituali (ho anche preso un’iniziazione). Il passaggio dal semplice al complesso è sempre stato l’obiettivo della mia arte e del mio stile di vita. Mi sono sentito dire, da chi rifiutava una mia collaborazione, che la mia arte era troppo elegante. Da allora il mio sogno è diventato di rendere l’arte raffinata accettabile a tutti!».

L’ARTISTA - Così si presenta l’artista ucraino Vladimir Manzhos, aka Waone. Nato nel 1981 in Ucraina, vive e lavora a Kiev. La sua passione per l’arte simbolica proviene dalla sua famiglia, e in particolare dalla collezione paterna di arte locale e di icone ortodosse il cui simbolismo millenario dal tratto netto e deciso ne influenzano lo sviluppo artistico.

LA CARRIERA - Nel 1999 inizia a dipingere graffiti e dal 2005 al 2016 crea con Aec il duo di muralisti Interesni Kazki (“Fiabe interessanti”), per poi continuare la sua attività da solo. Come dichiara Waone, «… posso dire che nei nostri pezzi usiamo argomenti mistici, religiosi, mitologici, storici. Mi piace il simbolismo in generale e mi piace creare i miei simboli».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati