Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Ghenga, ecco l'app che ti salva dal divieto di sosta

Il principio di Ghenga si basa sulla buona fede degli utenti appartenenti alla community

di Ludovica Vavalà

ROMA – E’ arrivata GHENGA, una nuova applicazione gratuita per smartphone e tablet che permetterà agli automobilisti di mettersi al riparo da multe per divieto di sosta. Spesso e per svariati motivi si ha un’immediata necessità di sostare con la propria automobile e ci si rende conto di trovarsi in sosta vietata. In questo caso, non si vuole contravvenire di proposito, ma ci si ritrova a fare la scelta di azzardare: la propria necessità è importante, così a volte si rischia di prendere una multa.

LA FUNZIONE – Ghenga, sinonimo di gruppo, è l’applicazione che unisce la community di automobilisti o in generale i conducenti di mezzi (automobili, moto, camper, furgoni, ecc.) e permette di essere avvisati per mettersi al riparo in tempo da multe in arrivo esclusivamente per divieto di sosta. Ghenga, non vuole turbare la regolarità d’ufficio o servizio pubblico, né il favoreggiamento personale. Il principio di Ghenga si basa sulla buona fede degli utenti appartenenti alla community.

COME FUNZIONA – Il funzionamento di Ghenga è semplicissimo: L’utente entra nell’App e parcheggia virtualmente la propria auto. I FIDATI INFORMATORI girando per la città segnalano multe in vista. Gli automobilisti che hanno parcheggiato in quella zona riceveranno un avviso di multe in vista sul proprio dispositivo. L’utente che ha sostato momentaneamente in divieto di sosta correrà a spostare la propria auto per non prendere la multa. Più gente userà Ghenga, più segnalazioni verranno fatte e meno multe prenderanno gli automobilisti.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati