Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Giganti del web e montagne dell'elusione fiscale

Giganti del web e montagne dell'elusione fiscale

Ogni anno le più grandi aziende "WebSoft" risparmiano miliardi di euro di tasse grazie agli spostamenti di capitali, a danno dei cittadini

di Giordano D’Angelo

ROMA - I giganti del web non pagano le tasse. Tra il 2014 e il 2018, infatti, l’evasione fiscale legalizzata li ha permesso di risparmiare oltre 49 miliardi di euro a livello globale, grazie agli spostamenti di capitale in paradisi fiscali. 

LA RICERCA - I dati sui risparmi arrivano da una ricerca di R&S Mediobanca, che ha analizzato i conti delle 25 “WebSoft” con un fatturato superiore agli 8 miliardi di euro. A capo della lista ci sono la Apple, con i suoi 25 miliardi, davanti a Microsoft (16,5 miliardi), Google (11,6 miliardi) e Facebook (6,3 miliardi). 

I PARADISI FISCALI - Nel corso del 2018 i grandi di internet e tech hanno risparmiato 17,6 miliardi di tasse, di cui 5 miliardi grazie ai paesi a fiscalità agevolata, 1,3 miliardi grazie alla riforma fiscale degli Usa e 6,3 miliardi per i crediti fiscali relativi alle attività di ricerca. Le maggiori località scelte dalle grandi aziende per la loro sede fiscale sono il Delaware (per le statunitensi) e le Cayman per le cinesi.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati