Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Giorgia Calabrò è la vincitrice di  A Voice for Europe

Giorgia Calabrò è la vincitrice di A Voice for Europe

A Chianciano ha convinto i “giudici” Vince Tempera, Andrea Mingardi, Maurizio Tirelli e Alex Ceroni.

di Maria Chiara Fantauzzi

MILANO - Giorgia Calabrò è la vincitrice di “A Voice for Europe/Una Voce per l’Europa: Italia” edizione 2020, il prestigioso concorso canoro internazionale organizzato da Nove Eventi, nato 52 anni fa per lanciare nuovi cantanti nel panorama musicale. Giorgia Calabrò, 24enne nativa di Reggio Calabria ma  cresciuta a Cesenatico, oltre alla grande passione per il canto, ha alle spalle 10 anni di ballo agonistico segnato da importanti vittorie nazionali. Ha frequentato di Cet di Mogol grazie a una borsa di studio assegnatale proprio dal Maestro e lavorando con lui a stretto contatto. Si esibisce nei locali della sua zona con diverse formazioni musicali.

LA VITTORIA - La vittoria di Giorgia è arrivata venerdì 4 settembre al termine di una gara avvincente ad eliminazione diretta che ha visto salire sul palco di Parco Acquasanta di Chianciano Terme (SI) 16 superfinalisti, ovvero i migliori talenti usciti da mesi di selezioni svolte in tutta Italia e concluse con le due Finali di Categoria (Brani in lingua italiana e Brani in lingua straniera) che si sono tenute l’1 e il 2 settembre..

LE ESIBIZIONI - A valutare le esibizioni dei superfinalisti sono stati i Maestri Vince Tempera, Andrea Mingardi, Loris Ceroni e Maurizio TIrelli che hanno assegnato il secondo posto assoluto a Riccardo Mazzi, classe 2004 di Reggio Emilia, e il terzo al trio perugino Frammenti, formato da Simone Federici, Eugenio Maglio e Federico Maracaglia. Podio anche per I veneto-friulani Tweakeduo, Ettore Baccichet e Laura Sandrin, qualificati in quarta posizione.

I PREMI - I premi sono stati consegnati dal Maestro Angelo Valsiglio, presidente di Nove Eventi e grande scopritore di talenti, e dal vicesindaco di Chianciano Terme, Rossana Giulianelli.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati