Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Gravidanze e nascite senza violenza: la nuova piattaforma de Il Melograno

Gravidanze e nascite senza violenza: la nuova piattaforma de Il Melograno

Progetto per la prevenzione e il contrasto delle forme di violenza domestica perinatale

di Giacomo Zito

ROMA - Durante la settimana dedicata al contrasto alla Violenza di Genere, il Centro Informazione Maternità e Nascita Il Melograno ha attivato la piattaforma www.violenzaperinatale.org. Uno spazio virtuale utile per accendere un riflettore sulle diverse forme di violenza di genere agite su una donna nel periodo dell’attesa e della nascita di un figlio e per presentare i risultati e il Report conclusivo del Progetto "Gravidanze e nascite senza violenza, per la prevenzione e il contrasto delle forme di violenza domestica perinatale". Un progetto ideato e realizzato dall’associazione Il Melograno Centro Informazione Maternità e Nascita di Roma, con la supervisione scientifica dell’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata, Policlinico Casilino, ASL ROMA 2.

IL PROGETTO - Il progetto ha inteso accendere un riflettore sulla problematica della violenza di genere subita in varie forme (fisica, sessuale, psicologica, economica) da una donna durante la gravidanza e nel puerperio oppure in periodi precedenti della propria vita con vissuti o problematiche che si riattivano e si complicano durante l’attesa di un figlio.

LA VIOLENZA LEGATA AL PERIODO PRENATALE - “Pur avendo gravi ripercussioni sulla salute delle madri e dei bambini, la violenza legata al periodo perinatale è ancora poco studiata e sottostimata in Italia - ha dichiarato la responsabile del progetto, dott.ssa Raffaella Scalisi - diversamente da altri paesi occidentali, dove da anni è stata attivata un’attenta sorveglianza del fenomeno, che per la sua peculiarità e per le sue caratteristiche richiede strumenti specifici di intercettazione e di prevenzione dei danni provocati.”

L'INDAGINE DELL'ISTAT - L’Istat nell’ultima indagine sulla violenza di genere, ha rilevato un 11,8% di donne che ha subìto violenze dal partner anche quando era in gravidanza (10,2% nel 2006) e tra queste “la situazione più comune è che l’intensità della violenza, durante la gravidanza, è rimasta costante (57,7%), per il 23,7% è diminuita, per l’11,3% è aumentata e per il 5,9% è iniziata.”

UN DATO LIMITATO - Ma è un dato limitato. In Italia non si conosce la percentuale di violenza perinatale sul totale delle gravidanze. È possibile effettuare una stima sulla base degli studi realizzati in diversi paesi del mondo, sia pur non univoci. Secondo alcuni studi l’incidenza della violenza in gravidanza oscilla tra 0,9% e 20,1% su tutte le gravidanze, secondo altri tra 3,9% e 8,7%. Dai dati Istat sulla salute riproduttiva, secondo i quali in Italia avvengono circa 460.000 nascite l’anno e circa il 30% delle gravidanze si interrompe spontaneamente o volontariamente, si può desumere che il numero complessivo di donne che iniziano una gravidanza si aggiri intorno ai 600.000/650.000 l’anno. Pertanto anche riferendosi all’incidenza più bassa di violenza perinatale, rilevata negli studi sopra citati (tra lo 0,9% e il 3,9%) potrebbero esserci in Italia ogni anno da 6.000 a 25.000 gravidanze gravate da questo fattore di rischio, che causa pesanti danni rispetto alla salute fisica e psichica di due persone: la madre e il bambino.

COME DISVELARE LA VIOLENZA - “Ma se è vero che la violenza perinatale è più difficile da “disvelare”, per le maggiori paure delle donne nel denunciarla, di contro la gravidanza rappresenta una grande opportunità per intercettarla – continua la dott.ssa Scalisi - poiché la quasi totalità delle donne gravide oggi riceve cure perinatali con continuità ed è facile che si instauri un rapporto di fiducia tra la donna e l‘ostetrica. Il progetto "Gravidanze e nascite senza violenza" è nato da qui, dal prendere consapevolezza della responsabilità che gli operatori sanitari e sociali hanno nel disvelare la VdG nel periodo perinatale. ”

LE DIRETTRICI - Due sono le direttrici su cui si è operato, ottenendo importanti risultati: la prima ha riguardato lo studio e la sperimentazione di specifiche metodologie e strumenti per individuare precocemente donne in gravidanza su cui è o è stata esercitata violenza, per offrire loro un percorso integrato di supporto e protezione; con la seconda, per aumentare la sensibilizzazione sulla tematica, si è realizzata una piattaforma on-line, finalizzata a diffondere i risultati del progetto e a promuovere spazi di confronto e di scambio tra operatori ed enti che a vario titolo sono coinvolti nell’impegno a combattere quella che il WHO definisce una pesante “piaga sociale”.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati