Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Green pass, consigliera Imola anti-certificato verde lascia la Lega

Green pass, consigliera Imola anti-certificato verde lascia la Lega

"Prendo distanze da misure governo e da rielezione Mattarella"

IMOLA - La Lega perde un pezzo in Consiglio comunale a Imola. La consigliera Rebecca Chiarini ha infatti deciso di entrare nel Gruppo misto "perché- spiega- sento la necessità di prendere le distanze dalle misure sempre più restrittive e discriminatorie assunte dal Governo in questi mesi". Il riferimento è in particolare al Green pass, a cui Chiarini ricorda di "essersi opposta fin dalla sua introduzione", considerandolo "uno strumento che, lungi dal migliorare la situazione sanitaria, ha contribuito solamente ad aumentare le distanze tra i cittadini e a limitare, in modo sempre più stringente, le libertà dei singoli".

SULLE DECISIONI DELL'ESECUTIVO - E le successive decisioni dell'esecutivo, prosegue, "hanno confermato in me la convinzione che l'emergenza sia diventata un pretesto per portare avanti un preciso piano politico di repressione del dissenso e, non ultimo, di sempre maggiore dipendenza economica dall'Unione europea. Il tutto al riparo da veri processi democratici, sia elettorali che parlamentari". Sul punto, Chiarini afferma che "a suon di approvazione settimanale di decreti governativi sempre più ricattatori, il nostro ordinamento giuridico e giudiziario è giunto a considerare e trattare chi legittimamente dissente addirittura peggio di chi commette un reato", dunque "con il mio gesto vorrei ricordare un principio che dovrebbe essere scontato, cioè che lavoro e libertà sono inscindibili". A tutto questo, rincara la dose l'ormai ex consigliera comunale del Carroccio, "si è aggiunta la conferma, anche grazie ai voti della Lega, di Sergio Mattarella a presidente della Repubblica, un uomo che non solo non ha consentito al primo Governo giallo-verde di nominare liberamente il ministro dell'Economia, ma che per ben due volte ha negato agli italiani il diritto al voto, determinando un insanabile divario tra il Paese e la sua rappresentanza in Parlamento, e che ha firmato provvedimenti normativi contrari alla Costituzione di cui avrebbe dovuto essere garante". Questo, insiste Chiarini, è "uno scenario politico nazionale dal quale sento l'esigenza, anche morale, di prendere la massima distanza".

IL PERCORSO - Tuttavia, la consigliera tiene a precisare che "questa decisione è maturata a seguito di un non breve percorso nella cui gestazione molto ha pesato il legame con i miei compagni di gruppo, soprattutto con Daniele Marchetti, che ringrazio pubblicamente per lo spazio che mi ha concesso, prima consentendo la mia candidatura come indipendente nelle liste della Lega, poi lasciandomi massima libertà di espressione in Consiglio comunale, senza mai censurarmi". In sostanza, tira le somme Chiarini, "prendo infatti le distanze non certo dalle persone che compongono il mio gruppo, alle quali continuerò a dar il mio pieno appoggio in Consiglio comunale, ma dalla Lega nazionale, che ormai ha abbandonato una linea veramente critica di opposizione ed è diventata complice di un sistema che non posso che criticare aspramente".

 

FONTE e FOTO: Agenzia Dire

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo