Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Harry Belafonte, il suo archivio per la biblioteca di Harlem

Harry Belafonte, il suo archivio per la biblioteca di Harlem

di Valerio Cruciani

ROMA – La musica e le carte di Harry Belafonte tornano a casa a Harlem: a sei decenni dal leggendario "Banana Boat", registrazioni, appunti, lettere del cantante giamaicano-americano sono stati acquistati dallo Schomburg Center for Research in Black Culture, una divisione della New York Public Library con sede a dieci isolati dall'Apollo Theatre.

L’ARCHIVIO – Una volta catalogato, l'archivio offrirà uno spaccato finora inedito di una lunghissima vita in cui arte e attivismo politico si sono continuamente intrecciati. Belafonte ha compiuto 93 anni il primo marzo e ha festeggiato proprio all'Apollo con uno degli ultimi "singalong" in un teatro dell'era del coronavirus: tutti gli spettatori si sono uniti al leggendario cantante e attore per una delle sue canzoni piu' famose, il brano dei lavoratori portuali del turno di notte che, dopo aver caricato la bananiera, facendosi ormai giorno, vogliono tornare a casa.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati