Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Motori

I dealer del BMW Group Italia diventano protagonisti di SpecialMente, il programma di Corporate Social Responsibility di BMW Italia

I dealer del BMW Group Italia diventano protagonisti di SpecialMente, il programma di Corporate Social Responsibility di BMW Italia

Autotorino, Birindelli, M. Car e Nanni Nember i dealer che entrano nel progetto per il 2020

di Giordano D'Angelo

ROMA - Autotorino, Birindelli, M. Car e Nanni Nember sono i primi quattro concessionari a ricevere il riconoscimento del progetto SpecialMente@Dealers che mira a promuovere e far conoscere a livello nazionale le attività svolte dai concessionari sul territorio e allineate con la strategia di BMW Italia in termini di responsabilità sociale d’impresa. Le attività dei quattro concessionari diventeranno da quest’anno parte integrante e riconosciuta del programma ufficiale di BMW Italia.

IL MANTRA - “Avere uno scopo più grande. È questo il mantra – ha dichiarato Massimiliano Di Silvestre, Presidente e Amministratore Delegato di BMW Italia – che oggi si sta diffondendo tra i manager e le imprese che hanno l’ambizione di esercitare un ruolo di leadership a livello globale e garantirsi un successo sostenibile nel medio-lungo periodo. Questo significa che la responsabilità sociale d’impresa o CSR (Corporate Social Responsibility) come viene comunemente detta, sta diventando un asset fondamentale delle aziende di oggi. E questo aspetto è diventato così strategico che la stessa valutazione aziendale da parte degli stakeholder si fonda, in buona parte, su di esso”.

IL PUNTO DI RIFERIMENTO - “Noi – ha proseguito Di Silvestre – nel corso degli anni siamo diventati un punto di riferimento in Italia con il nostro progetto SpecialMente, non solo nel mondo automotive ma più in generale in quello delle aziende che operano nel paese. Per far comprendere appieno la nostra strategia e il nostro approccio a 360°, da quest’anno abbiamo deciso di lanciare il progetto SpecialMente@Dealers per valorizzare le attività di corporate social responsibility fatte dalla nostra rete, identificando i 3-4 progetti che ogni anno andremo a comunicare come esempio di attività valide ed in linea con il nostro approccio, a testimonianza che il nostro modo di lavorare in questo settore è condiviso con entusiasmo e partecipazione da tutta la catena del valore, in primis dai nostri partner concessionari”.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Covid-19, non è andato tutto bene 27 luglio 2020 10:01

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati