Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

I prigionieri politici in Bahrain scrivono a Hamilton: sei nostro campione

I prigionieri politici in Bahrain scrivono a Hamilton: sei nostro campione

"Abbiamo tutti scritto 'Sir 44' sulle nostre divise"

ROMA - Il ruolo "sociale" di Lewis Hamilton non conosce confini. I detenuti del Bahrain, che l'hanno scorso avevano chiesto che la Formula 1 si assumesse la responsabilità delle questioni relative ai diritti umani nei Paesi dove fa tappa, hanno scritto al pilota della Mercedes per ringraziarlo di aver "fatto la differenza" dando rilevanza al problema. Ali Alhajee, prigioniero politico in Bahrain, ha spiegato che nella prigione di Jau in Bahrain prima boicottavano la visione della F1, accusata di aiutare lo "sportwashing" del regime. La posizione schietta di Hamilton sui diritti umani e il suo sostegno lo scorso anno ad alcuni prigionieri politici che gli hanno scritto dal Bahrain ha cambiato il loro atteggiamento. "La tua genuina preoccupazione per questi casi ha cambiato il modo in cui i prigionieri pensano a questo sport", ha scritto in una lettera condivisa con il Guardian dal Bahrain Institute for Rights and Democracy. "Sei il nostro campione, non solo il migliore nella guida, ma anche un essere umano che ha a cuore la sofferenza degli altri. Per riflettere il nostro sostegno a te, un nuovo fenomeno si è diffuso nel carcere: i detenuti hanno iniziato a scrivere o disegnare "Sir 44" o "Lewis 44" sulle loro divise" Alhajee afferma di essere stato sottoposto a tortura durante il suo interrogatorio e di essere stato condannato a 10 anni di carcere per aver organizzato proteste pacifiche a Manama, la capitale del Bahrain: "Sono un uomo libero nonostante le mie manette e le mura della prigione. I muri di cemento in questa prigione non mi hanno impedito di esporre le violazioni dei diritti umani di cui soffriamo dentro", ha scritto a Hamilton.

 

FONTE: Agenzia Dire

FOTO: Wikimedia Commons -  @Show do Esporte - CC BY 3.0

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo