Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Il Centro Medico Visconti di Modrone lancia il servizio “Primo Supporto Medico”

Il Centro Medico Visconti di Modrone lancia il servizio “Primo Supporto Medico”

n servizio gratuito di consultazione medica per via telefonica che va ad aggiungersi alla normale attività di visite mediche e indagini diagnostiche

di Claudio Carassiti

MILANO - Il Centro Medico Visconti di Modrone per supplire alla ridotta accessibilità dei cittadini a prestazioni diagnostiche relative a patologie non correlate alla pandemia in atto, ha attivato un servizio di “Primo Supporto Medico”.  L’iniziativa è volta a fornire un parere medico e un orientamento diagnostico per problemi medici non differibili in un momento di limitato accesso alle strutture sanitarie ospedaliere impegnate nella gestione dell’infezione da COVID-19.  In particolare, si offre una prima valutazione a chi dovesse accusare sintomi di nuova insorgenza (per esempio: dolore torace o addominale, dolori articolari o post-traumatici) ma anche la possibilità di sottoporsi ai controlli programmati per pazienti affetti da patologie croniche o in gravidanza. 

IL SERVIZIO GRATUITO - In questa duplice ottica, spiega l’amministratore delegato dr. Franco Perona, il Centro Medico Visconti di Modrone, ha attivato un servizio gratuito di consultazione medica per via telefonica (342 8715736) che va ad aggiungersi alla normale attività di visite mediche e indagini diagnostiche (ECG, radiologia, ecografia) erogate in condizioni di sicurezza rispetto al rischio di contagio, attraverso il telefono (02.783241) o dal sito internet del Centro Medico Visconti. In particolare, sono assicurate la visita da parte di un medico esperto di area internistica e le usuali prestazioni nelle aree di Cardiologia, Ortopedia, Ginecologia e Psichiatria.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Silvia Romano, il clamore che non serviva 18 maggio 2020 10:02

Silvia Romano, il clamore che non serviva

Il caso mediato del momento sta scoprendo il lato più brutto del popolo italiano

Silvia Romano, la cooperante di una onlus rapita in Kenya nei pressi del villaggio di Chakama nel 2018, ha fatto il suo rientro in Italia lo scorso 11 maggio 2020, dopo aver trascorso circa 18 mesi...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati