Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Sport

Il criterium podistico Piceni&Pretuzi solidale di fronte all’emergenza nazionale

Il criterium podistico Piceni&Pretuzi solidale di fronte all’emergenza nazionale

inviate due donazioni da 1500 euro l'una destinate ai premi della classifica 2020

di Giordano D’Angelo

TERAMO - In un periodo di estrema emergenza a livello nazionale, arriva uno straordinario gesto di aiuto dal mondo del podismo per fronteggiare le criticità e l’impatto del Coronavirus sul sistema sanitario.

LE DONAZIONI - Il direttivo del Criterium Piceni&Pretuzi ha deliberato ed effettuato 2 donazioni di 1500 euro ciascuna all'area vasta 5 del Piceno e all'ASL di Teramo con la rinuncia ai premi della classifica 2020.

IL COMMENTO - «Con questo gesto abbiamo voluto dare risalto alla solidarietà pensando al nostro paese in pieno stato di emergenza – spiega Giuseppe Carosi, presidente del comitato organizzatore del circuito – ma in qualità di sportivi e di praticanti siamo i primi in assoluto ad assumere un atteggiamento prudente e rispettoso per la nostra salute con l’obiettivo di mettere da parte le polemiche sterili sui social circa l’inosservanza delle regole dettate dai decreti governativi nell’uscire di casa per allenarsi. Per ora stiamo bene dentro le nostre case a fianco dei nostri familiari e a fare esercizi per mantenere il tono muscolare, poi pensiamo a correre in tutta sicurezza».

L'EDIZIONE 2020 - L’edizione 2020 del Piceni&Pretuzi prevede una trentina di corse tra le province di Ascoli Piceno e Teramo (disputate a febbraio soltanto il Trofeo Colli del Tronto e la Maratonina di Centobuchi): in attesa di riprogrammare il calendario, l’augurio è che si possa tornare a fare sport aspettando un netto miglioramento della situazione generale per un Criterium che sicuramente sarà più partecipato e coinvolgente.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati