Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Il premier Conte parla all'Italia: «dobbiamo resistere»

Il premier Conte parla all'Italia: «dobbiamo resistere»

Decisa la chiusura di tutte le attività commerciali ritenute non essenziali

di Federico Marconi

ROMA - «Oggi abbiamo deciso di compiere un altro passo. La decisione del governo è chiudere nell'intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia strettamente necessaria, cruciale, indispensabile a garantire beni e servizi essenziali». Dopo una lunga attesa, sono finalmente arrivate le ultime decisioni del Governo, direttamente dalla bocca del premier Giuseppe Conte.

IL SEGNO IMPRESSO - L'Italia, afferma il premier, sta vivendo «la crisi più difficile dal Secondo Dopoguerra. In questi giorni durissimi siamo chiamati a misurarci con immagini e notizie che ci feriscono, ci lasciano un segno che sarà sempre impresso nella nostra memoria. La morte di tanti concittadini è un dolore che ogni giorno si rinnova, questi decessi per noi non sono semplici numeri. Quelle che piangiamo sono persone, storie di famiglie che perdono gli affetti più cari».

IL TEMPO - «Le misure sin qui adottate richiedono tempo prima che possano dispiegare i loro effetti - ha continuato il premier - dobbiamo rispettare le regole con pazienza, responsabilità, fiducia. Sono misure severe, ma non abbiamo alternative. In questo momento dobbiamo resistere, perché solo in questo modo riusciremo a tutelare noi stessi e le persone che amiamo».

CHI RIMANE APERTO - «Continueranno a rimanere aperti tutti i supermercati, tutti i negozi di alimentari e di generi di prima necessità - spiega il premier -. Non abbiamo previsto nessuna restrizione sui giorni d'apertura dei supermercati. Continueranno a rimanere aperte farmacie e parafarmacie. Verranno assicurati i servizi bancari, postali, assicurativi, finanziari. Assicureremo tutti i servizi pubblici, ad esempio i trasporti. Al di fuori delle attività essenziali, consentiremo solo lo svolgimento di lavoro in modalità smart working e consentiremo solo attività produttive ritenute rilevanti per la produzione nazionale».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Silvia Romano, il clamore che non serviva 18 maggio 2020 10:02

Silvia Romano, il clamore che non serviva

Il caso mediato del momento sta scoprendo il lato più brutto del popolo italiano

Silvia Romano, la cooperante di una onlus rapita in Kenya nei pressi del villaggio di Chakama nel 2018, ha fatto il suo rientro in Italia lo scorso 11 maggio 2020, dopo aver trascorso circa 18 mesi...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati