Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Sport

“In ricordo di Emiliano”, sarà “suo” il campo di Vallerano

La cerimonia di intitolazione del campo avrà luogo al termine di un quadrangolare della categoria “esordienti”

ROMA - A un anno esatto dalla scomparsa, Emiliano Morelli sarà ricordato a Vallerano con una cerimonia dedicata per intitolargli il campo sportivo. Morto a ventitré anni, vittima di un arresto cardiaco, Emiliano si era trasferito con la famiglia dieci anni fa da Roma, e aveva avuto la capacità, insieme al fratello, di immedesimarsi nella quotidianità valleranese.

Videomaker, allenatore degli “esordienti” della Polisportiva Monti Cimini, ottimo studente universitario, il ragazzo se ne andò in punta di piedi, complice quel “caso su un milione” che può colpire gli under 30. Una morte improvvisa e inaspettata, che gettò nello sconforto la comunità locale, mentre ancora oggi restano impresse le lacrime dei ragazzi della sua squadra durante la cerimonia funebre.

La cerimonia di intitolazione del campo – iniziativa che ha messo d’accordo la Giunta comunale, facendo trovare l’intesa a maggioranza e opposizione; leggasi tutti voti a favore – avrà luogo al termine di un quadrangolare della categoria “esordienti”. Al torneo “In ricordo di Emiliano” (a inviti) partecipano oltre alla squadra di casa (la Polisportiva Monti Cimini) anche il Felgas Fabrica, lo JFC Civita Castellana e l’U.s. Corchiano. Non ha la categoria “esordienti” il Villanova, squadra che il giovane tecnico ha allenato per un periodo di tempo, ma sarà comunque presente una delegazione del club viterbese. Presenti per il momento istituzionale oltre al sindaco Adelio Gregori e al capo dell’opposizione Jacopo Polidori, ci saranno anche il presidente del Coni Lazio Riccardo Viola, il delegato del Coni regionale Ugo Baldi, il responsabile viterbese della Federcalcio Renzo Lucarini oltre agli amici e alla famiglia di Emiliano. Il parroco di Vallerano, don Claudio, benedirà l’impianto sportivo prima dell’inizio delle attività. L’inizio è previsto per le 16, alle 18 si chiudono i battenti, partite e cerimonia ultimate.

Per quel che concerne l’intitolazione del campo di gioco, la cerimonia si svolgerà al termine delle premiazioni dei ragazzi che scendono in campo per dar vita al quadrangolare. Il Coni, che ha dato il patrocinio all’evento, ha messo a disposizione coppe per i club e medaglie per i partecipanti.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Covid-19, non è andato tutto bene 27 luglio 2020 10:01

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati