Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Inapp, poco lavoro da big digitali

Inapp, poco lavoro da big digitali

Si è vista una forte crescita di ricavi e salari per addetto

di Valerio Cruciani

ROMA – Alti ricavi, pochi occupati, pochissimi dipendenti a tempo indeterminato, alto turnover e poche tasse: nelle piattaforme digitali operanti in Italia - secondo uno studio dell'Inapp - in linea con la tendenza mondiale, si è vista una forte crescita di ricavi e salari per addetto,in controtendenza rispetto ai settori nei quali operano mentre gli occupati crescono poco.

I NUMERI – "Nel 2016 - scrive l'Inapp - in Italia Google e Facebook contavano rispettivamente 195 e 22 dipendenti; questo è in parte spiegabile con la natura tecnologica e organizzativa delle piattaforme. Tra i big player l'eccezione la fa Amazon, la piattaforma con il maggior numero di occupati (1169 nel 2016); questo dato si spiega con l'importante rete di raccolta e smistamento beni di Amazon Logistica e con una presenza massiccia di lavoro in somministrazione, caratterizzato da un turnover molto elevato".

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati