Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Inizia il Talos Festival di Ruvo di Puglia

Produzioni originali, performance, atelier di creazione, spettacoli, mostre e incontri

di Giordano D'Angelo

BARI - Il Talos Festival di Ruvo di Puglia, organizzato dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con numerosi partner pubblici e privati e con il sostegno della Regione Puglia, diretto da Pino e Livio Minafra, proporrà dal 31 agosto all'8 settembre un ricco programma multidisciplinare con concerti, produzioni originali, performance, atelier di creazione, spettacoli, mostre, incontri, master class che parte dalla banda, s'inoltra nella sperimentazione musicale e incrocia la danza contemporanea e di comunità, grazie al progetto coreografico di Giulio De Leo della Compagnia Menhir. Tra gli ospiti Günther “Baby” Sommer, l'Orchestra di Piazza Vittorio, Renaud Garcia-Fons e Dorantes, Jaques Morelembaum Cello Samba Trio, il progetto Girodibanda di Cesare Dell’Anna, La notte della Banda con Pino Minafra & La Banda con i solisti Gianluigi Trovesi, Leonardo Di Gioia, Eugenia Cherkazova, il coreografo Virgilio Sieni e l'interprete/coreografa Giulia Mureddu (Compagnia Virgilio Sieni Danza), Jasmina Prolič e Tamara Obrovac (Trafik Theatre Company) e molti altri musicisti e danzatori. Info e programma completo talosfestival.it.

CONCERTI - Concerti, produzioni originali, performance, atelier di creazione, spettacoli, mostre, incontri, master class: da sabato 31 agosto a domenica 8 settembre torna a Ruvo di Puglia il Talos Festival. Organizzato dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con numerosi partner pubblici e privati e con il sostegno della Regione Puglia, diretto dal trombettista Pino Minafra, fondatore del festival nel 1993, e dal pianista Livio Minafra, il Talos propone un ricco programma multidisciplinare che parte dalla banda, s'inoltra nella sperimentazione musicale e incrocia la danza contemporanea e di comunità, grazie al progetto coreografico di Giulio De Leo della Compagnia Menhir. Il risultato è una miscela di jazz, improvvisazione creativa e sonorità mediterranee, che incontra i corpi di una comunità di danzatori e cittadini di ogni età, origine e professione, e gli strumenti di tanti ospiti pugliesi, nazionali e internazionali. Un laboratorio sulla creatività sonora e corporea che affonda le sue solide radici nella tradizione della Banda, vero genius loci del territorio, e nella ritualità corporea contemporanea. Musiche, gesti e preziose architetture generano una magica alchimia che ha come scenario gli spazi pubblici, le piazze e gli attrattori culturali di Ruvo di Puglia “città d’arte”.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati