Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

mercoledì 23 settembre 2020 - 13:32
Integrazione dei rom: l'UE deve fare di più contro esclusione e antiziganismo

Integrazione dei rom: l'UE deve fare di più contro esclusione e antiziganismo

Obiettivi vincolanti per gli Stati membri per promuovere l'inclusione sociale e porre fine alla segregazione scolastica

di Bianca Franchi

BRUXELLES - In una risoluzione adottata giovedì con 545 voti contro 96 e 54 astensioni, il Parlamento sottolinea che, a causa del persistente antiziganismo, i rom in Europa soffrono i più alti tassi di povertà ed esclusione sociale. I deputati chiedono quindi un'istruzione inclusiva, lo sviluppo della prima infanzia e la fine della discriminazione e della segregazione. La situazione dei rom nell'Ue non è migliorata, denuncia il testo, anche per “mancanza di volontà politica”. I deputati lamentano il fatto che un numero significativo di rom in Europa vive in condizioni "estremamente precarie", con la maggior parte privata dei propri diritti umani fondamentali.

LA RICHIESTA - Chiedono alla Commissione di presentare una proposta legislativa incentrata sulla lotta alla povertà e all'antiziganismo e sul miglioramento delle condizioni di vita e di salute dei rom. La proposta dovrebbe includere un piano per eliminare le disuguaglianze in materia di alloggi, salute, occupazione e istruzione, nonché obiettivi vincolanti specifici per migliorare l'inclusione.

LA SALUTE - Gli Stati membri dovrebbero migliorare l'accesso a un'assistenza sanitaria di buona qualità e conveniente per i rom, compresa l'assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva. Tutte le forme di segregazione etnica nelle strutture sanitarie devono essere bandite, comprese le strutture di assistenza sanitaria materna. I deputati chiedono inoltre agli Stati membri di risarcire i sopravvissuti alla sterilizzazione forzata e coercitiva.

LA SCUOLA - Fornire ai bambini rom un inizio di vita uguale è essenziale per spezzare il ciclo della povertà, affermano i deputati, che vogliono porre fine a tutte le forme di segregazione scolastica o di classe vissuta da questi alunni. Condannano la pratica discriminatoria di collocarli in scuole per bambini con disabilità mentali, ancora in vigore in alcuni paesi dell'UE, e invitano la Commissione a continuare a premere gli Stati membri per desegregare, portando i casi alla Corte di giustizia europea, se necessario.

LA PANDEMIA - I deputati sottolineano infine che la crisi del COVID-19 ha peggiorato la situazione delle comunità emarginate di rom che vivono in condizioni di sovraffollamento e disumane e avvertono che, a causa dell'accesso limitato all'assistenza sanitaria, all'acqua potabile, ai servizi igienico-sanitari e al cibo, sono più a rischio di contrarre il virus.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati