Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Iraq, Mosul torna città verde

Iraq, Mosul torna città verde

E' l'obiettivo del progetto 'Green Mosul'

di Silvia De Mari

ROMA – Oltre 5mila alberi - cipressi, limoni, pini e aranci - piantati in 12 zone di Mosul per unire le comunità della città e far tornare a essere "verde" il terzo centro dell'Iraq, ancora emblema, nella memoria di molti, della guerra e dell'occupazione del gruppo Stato Islamico (Isis). E' l'obiettivo del progetto 'Green Mosul', partito in settimana con una cerimonia ufficiale nel corso della quale studenti, attivisti e personalità delle istituzioni locali hanno piantato i primi arbusti.

Il progetto è nato su iniziativa di Omar Mohammed, noto per aver fondato nel 2014 il blog Mosul Eye. Allora la città irachena, capoluogo del governatorato settentrionale di Ninive, nota nell'antichità anche come 'la verde', si trovava nel pieno dell'occupazione dei miliziani dell'Isis, cominciata quello stesso anno e terminata nel 2017 dopo un assedio delle forze armate irachene e delle milizie curde peshmerga che ha causato circa 40mila morti, stando a numeri delle fonti locali.

Il piano per trasformare Mosul in qualcosa che "non sia solo una città post-guerra", come ha detto Mohammed nel corso dell'inaugurazione dell'iniziativa, è nato nel luglio 2020 con una richiesta partita dal profilo Twitter di Mosul Eye. Dopo essere riuscito a portare migliaia di libri per la biblioteca dell'Università locale distrutta dall'Isis, Mohammed chiese allora di portare in città anche migliaia di alberi. All'appello rispose il governo francese, ma anche altri numerosi donatori privati da tutti il mondo.

Tra i luoghi selezionati per ospitare gli alberi, la cui piantumazione continuerà fino a febbraio 2022, c'è anche Hosh Al Bieaa, la piazza della Chiesa. Un luogo questo, dove crescerà un arbusto dedicato a Papa Francesco, che si è recato nella città in pellegrinaggio a marzo. Altri alberi sono stati piantati in luoghi simbolo per le tre principali comunità religiose che abitano la città: musulmana, cristiana e yazida, mentre negli ultimi giorni sono state riaperte due chiese che erano state distrutte.

 

FONTE e FOTO: Agenzia Dire

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Quirinale, Mattarella saluta: super partes o sarà crisi 13 dicembre 2021 10:01

Quirinale, Mattarella saluta: super partes o sarà crisi

L’elezione del 13° Presidente della Repubblica si presenta come una delle più delicate

ROMA - Il 3 febbraio 2022 si chiuderà ufficialmente il settennato di Sergio Mattarella, che saluterà il Quirinale dopo aver dato mandati per quattro Governi (Gentiloni, Conte I, Conte...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio: alla luce degli evidenti errori arbitrali, sarebbe giusto espandere l'utilizzo del VAR in ogni competizione calcistica?

Risultati