Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Italia, nel 2020 crescita vicina allo zero

Italia, nel 2020 crescita vicina allo zero

Le stime della Commissione europea non prevedono crescita dell'economia e abbassamento della disoccupazione

di Giordano D’Angelo

ROMA - Per l’Italia sarà un 2020 a crescita quasi-zero secondo le stime della Commissione Europea. L’economia fatica a ripartire e, di conseguenza, aumenta il rapporto tra PIL e debito pubblico. Secondo le previsioni diffuse il 7 novembre dalla Commissione, per il 2019 l’Italia dovrebbe crescere dello 0,1%, di molto al di sotto rispetto alla media dell'Eurozona, che dovrebbe attestarsi sull'1,1%. Poco ottimismo anche per il 2020, dato che le stime prevedono una crescita dello 0,4%, rispetto alla media dell'area euro stimata all'1,2%. A sorpresa, insieme all’Italia, dovrebbe esserci la Germania, con una crescita stimata del +0,4%.

DISOCCUPAZIONE - Sulla disoccupazione non si annunciano miglioramenti. Nel periodo 2019 - 2021, dovrebbe rimanere stabile al 10%, mentre nell'euro-zona dovrebbe calare dal 7,6% del 2019 al 7,3% del 2021. Fino a questo punto, osserva la Commissione, «il mercato del lavoro è rimasto resiliente davanti al rallentamento dell'economia; tuttavia, gli ultimi dati indicano un deterioramento» che «probabilmente spingerà i datori di lavoro a tagliare posti o a ricorrere a forme di lavoro temporaneo, come indica il crescente numero di lavoratori coperti dalla Cassa Integrazione Guadagni». Non vengono date molte speranze: è improbabile che il tasso di disoccupazione cali, anche perché il reddito di cittadinanza «probabilmente spingerà più persone a registrarsi ufficialmente come disoccupate».

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati