Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Jaron Lanier, guru della Silicon Valley, ospite della Fondazione Carla Fendi

Il Los Angeles Time dice di lui «In fondo le ciber riflessioni di Lanier denotano una fede umanista nella tecnologia»

di Matteo Spinelli

ROMA - La Fondazione Carla Fendi, in occasione del Festival dei 2Mondi di Spoleto, continua il suo percorso nella Scienza inaugurato con successo nel 2018. «La Fondazione» spiega la Presidente Maria Teresa Venturini Fendi «esplora quest’anno le astrazioni scientifiche dell’Intelligenza Artificiale e le applicazioni pratiche della Robotica. Non c’è aspetto del nostro quotidiano, infatti, che non sia toccato dall’Intelligenza Artificiale e affollato da presenze robotiche, anche se non ne abbiamo ancora la totale consapevolezza».

A TEATRO - Il 30 giugno alle 11 al Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi il poliedrico guru di Silicon Valley Jaron Lanier sarà uno degli ospiti di Ecce Robot, regia di Quirino Conti, una narrazione integrata tra Scienza e Arte, per capire, conoscere le nuove tecnologie che governeranno il futuro e con le quali ci si deve confrontare. Individuando privilegi, opportunità ma riconoscendo anche i rischi.

UOMO RINASCIMENTALE - Jaron Lanier, è un uomo “Rinascimentale” del XXI secolo: scienziato, autore, musicista, artista. È stato un pioniere della realtà virtuale, ne ha ideato la definizione, ha fondato la prima società che ha messo in commercio prodotti di realtà virtuale e ha diretto team di creativi che hanno realizzato applicazioni di realtà virtuale per la medicina, il design e molti altri campi. Ai vertici dell’innovazione tecnologica dai suoi albori ad oggi, Lanier è stato inserito tra i più importanti intellettuali e pensatori mondiali dalle riviste Foreign Policy e Prospect, oltre che tra i 300 più grandi inventori dall’Enciclopedia Britannica.

LIBRI RIVOLUZIONARI - Lanier è autore di libri rivoluzionari sull’impatto sociale della tecnologia e sul suo rapporto con l’economia, che indagano la politica di internet e il futuro dell’uomo. I suoi bestseller internazionali “Tu Non Sei un Gadget. Un manifesto” e “La Dignità ai tempi di Internet” sono stati inseriti tra i migliori libri dell’anno – rispettivamente del 2010 e del 2013 – dal New York Times. Il suo ultimo bestseller “Dieci Ragioni per cancellare subito i tuoi Account Social”, pubblicato nel 2018, spiega come le nuove tecnologie ingannano la gente con gli algoritmi. Attivo nel mondo della nuova musica ‘classica’ dalla fine degli Anni 70 scrive opere da camera e orchestra. È pianista e specialista di strumenti antichi e inconsueti e possiede una delle più ampie e varie collezioni di strumenti suonati nel mondo, con cui compone le sue musiche spesso utilizzate come colonne sonore, di fatto diventa l’interprete principale nella colonna sonora del film di Richard Horowitz Three Seasons (1999), che ha vinto il Premio del Pubblico e della Giuria al Sundance Festival.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati