Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

L’Arte svelata di Guadagnuolo intorno alla Sacra Sindone al tempo del Coronavirus

L’Arte svelata di Guadagnuolo intorno alla Sacra Sindone al tempo del Coronavirus

ROMA - L’arte contemporanea internazionale con l’artista Francesco Guadagnuolo tramite le sue due opere “Il Volto di Manoppello nella possibile identificazione con il Velo della Veronica” e “Il Volto di Manoppello nella possibile identificazione con il Volto della Sindone”, si unisce alla contemplazione della Sindone.

L’Arcivescovo Mons. Cesare Nosiglia, Sabato Santo 11 aprile 2020 alle ore 17,00 in diretta televisiva da Torino pregherà davanti al Sacro Telo della Sindone. Un gesto di venerazione davanti al Cristo delle sofferenze, nel tempo del Coronavirus che coinvolge l’umanità intera.

Così scrive il teologo Bonifacio Honings: «…Francesco Guadagnuolo, trovandosi di fronte al volto di Manoppello, vede Cristo prima della passione. Il suo sguardo artistico dipinge, in un primo momento, il volto dei volti tutto luminoso. Un’idea veramente ispirata, perché ci riporta al volto trasfigurato sul monte Tabor, come ce lo raccontano, per rilevarne l’importanza, i tre evangelisti Luca, Matteo e Marco […].

Guadagnuolo accentua questa rivelazione di Dio-Amore in un volto tutto Luce, che penetra le tenebre del mondo e illumina le menti umane. Molto espressivi sono due momenti, nei quali vengono abbinati un volto, profondamente segnato dal dolore fisico e morale, con un volto completamente trasfigurato di splendore di luce. È il volto, segnato dall’obbedienza fino alla morte, e il volto innalzato sopra tutte le cose, seduto alla destra del Padre, perché ognuno pieghi le ginocchia e ogni lingua proclami per la gloria di Dio Padre: Gesù Cristo è il Signore. (cfr. Fil 2, 9-11). Un momento conclusivo, veramente geniale, è il volto di Manoppello e la sua identificazione luminosa con il volto della Sindone. Il volto, prima della passione, sfigurato dell’Ecce homo e senza vita sulla Croce, è trasfigurato in un volto di Dio-Amore. In questi vari momenti, Francesco Guadagnuolo ha saputo esprimere, in sintesi, il messaggio dell’Enciclica “Deus Caritas est” di Benedetto XVI. Come un discepolo di Emmaus del terzo millennio, egli ha saputo presentare come la vita, la morte e la risurrezione del volto dei volti rivela che Dio È Amore!».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati