Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Le carezze ricevute dai robot emozionano gli umani

Le carezze ricevute dai robot emozionano gli umani

Lo rende noto un nuovo test condotto in Germania, nelle università Ruhr Bochum e di Duisburg-Essen

di Alessia Salmoni

 

ROMA - Anche i robot possono emozionarci con le loro carezze. Secondo una serie di test condotti in Germania, infatti, le carezze dei robot emozionerebbero gli esseri umani e li renderebbero più empatici nei confronti delle macchine. 

LA RICERCA - La ricerca, condotta nelle università Ruhr Bochum e di Duisburg-Essen, è stata pubblicata sulla rivista Plos One. Questa si basa su dei test condotti su 48 studenti che dialogavano con Nao, uno dei robot umanoidi più utilizzati nei laboratori di tutto il mondo. Le ricercatrici Laura Hoffmann e Nicole C. Krämer hanno quindi ordinato al robot di accarezzare, per qualche istante e in forma spontanea, almeno apparentemente, il dorso della mano di alcuni partecipanti. 

I RISULTATI - I risultati a cui sono giunte le due ricercatrici hanno dimostrato che i partecipanti che erano stati accarezzati avevano mostrato successivamente maggiore empatia verso la macchina ed erano anche stati più propensi a proseguire nelle interazioni con il robot.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo