Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

"Le piante posso rivelare la presenza di resti umani". Il nuovo studio

"Le piante posso rivelare la presenza di resti umani". Il nuovo studio

Secondo i ricercatori la decomposizione porta a un rilascio di azoto che modificherebbe la composizione della pianta, anche a distanza di anni

di Stefania Abbondanza

ROMA - “Le piante possono essere rivelare i resti di esseri umani deceduti nel terreno circostante”. Questa di base è l’asserzione di un nuovo studio apparso sulla rivista Trends in Plant Science, secondo cui intorno ai resti di esseri umani morti si creano quelle che sono state definite delle “isole di decomposizione dei cadaveri”. Infatti, secondo i ricercatori dell’Università del Tennessee, i resti umani alterano il suolo a livello chimico, modificando la composizione chimica delle stesse radici, le foglie e altre parti delle piante che circondano i resti stessi. Un’alterazione che avviene per un forte rilascio di azoto che segue la decomposizione, un evento che avviene in maniera molto veloce e improvviso, così come l’assorbimento da parte delle piante stesse. Cambiamenti nella composizione chimica che, in particolare nelle foglie, potrebbe essere anche individuata ad anni di distanza dal decesso, spiegano i ricercatori, ora intenzionati a sperimentare la teoria presso l’Antropology Research Facility dell’università. Da questo studio si potrebbero sviluppare numerosi metodi di ricerca sperimentali. Attraverso dei droni, ad esempio, si potrebbero rilevare le modifiche studiate nelle piante, attraverso la misurazione della riflettanza o della fluorescenza delle foglie.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati