Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Le priorità per il futuro dell'Europa

Le priorità per il futuro dell'Europa

I tre Presidenti durante le dichiarazioni sul futuro dell'Europa al Parlamentarium in Bruxelles

di Giordano D'Angelo

BRUXELLES - Il Presidente David Sassoli, rispondendo alle domande dei giornalisti dopo le dichiarazioni dei tre Presidenti, ha detto: «Chiedetevi: perché tutti oggi vogliono dividerci? Perché con le regole si vive meglio e si difendono i più deboli. Dove non ci sono regole solo i più forti prevalgono. Forse chi vuole dividerci ha paura di un mondo regolato. In questo momento credo che in questa domanda e nella risposta che siamo in grado di dare c’è tutta l’importanza dell’UE. Non solo per noi ma per un mondo globale che deve trovare regole. Senza regole i più forti la faranno da padrone e i più deboli saranno esclusi. E questo l’Unione europea non lo vuole».

IL FUTURO - Il recesso del Regno Unito segna un nuovo capitolo nella storia dell'Unione Europea e le dichiarazioni di oggi mirano a guardare avanti alle specifiche sfide interne ed esterne che dovranno essere affrontate negli anni a venire e a come coinvolgere maggiormente i cittadini, la società civile e i parlamenti nazionali nelle discussioni e nei processi decisionali che plasmeranno il futuro dell'Europa.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

2021, sarà l’anno della svolta anti-Covid?

Risultati