Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Le tensioni Iran/USA secondo FireEye

Le tensioni Iran/USA secondo FireEye

L’importanza di essere pronti a contrastare i possibili cyber attacchi iraniani

di Valerio Cruciani

ROMA - Per essere pronti ad affrontare una potenziale rappresaglia in termini di cyber attacchi da parte dell’Iran a seguito della morte del Generale Soleimani, FireEye ha avviato un Community Protection Event (CPE) per proteggere i propri clienti. Il CPE consiste in un’attività coordinata tra FireEye Managed Defense, il team internazionale di incident responder di FireEye Mandiant, il team FireEye di Threat Intelligence e i responsabili dei prodotti software al fine di garantire ai clienti le informazioni e i dati più aggiornati, suggerire loro le modalità per il rilevamento degli attacchi, guidare le eventuali azioni di rimedio oltre che a condividere tempestivamente informazioni relative ai gruppi cyber connessi all’Iran, tra cui APT33, APT34, APT35 e TEMP.Zagros.

IL COMMENTO - Sebbene i tempi e gli obiettivi di una eventuale ritorsione siano incerti, FireEye ritiene che questa potrebbe includere una componente informatica «Prevediamo che eventuali attività possano includere sia operazioni di cyber spionaggio sia cyber attacchi volti alla distruzione o al blocco di sistemi informatici e di produzione», dichiara Gabriele Zanoni, EMEA Solutions Architect di FireEye. «I media hanno già riferito di numerose manipolazioni a siti web statunitensi, anche se non possiamo collegare con certezza questa attività agli aggressori statali iraniani».

LA MINACCIA - Anche se la minaccia di un conflitto militare sta apparentemente diminuendo, l’Iran può ancora utilizzare le proprie capacità informatiche in risposta alle nuove sanzioni economiche. L’attacco informatico è, infatti, uno strumento assimettrico che l’Iran utilizza principalmente per imporre costi economici, in modo simile ad altre operazioni come il disporre mine navali sulle rotte marine. Gli attacchi distruttivi a infrastrutture critiche, come quelli preferiti dai cyber aggressori iraniani, possono infatti avere effetti importanti sull’economia e sulla società e possono comportare miliardi di dollari di danni.

GLI ATTACCHI DIGITALI - I cyber attaccanti sponsorizzati dall’Iran hanno alle spalle una storia di attacchi distruttivi verso gli Stati Uniti, anche a seguito dell’accordo nucleare sulla regione mediorientale gli aggressori iraniani si sono ri-focallizati su altre attività. All’interno di questa regione, diversi attaccanti iraniani che FireEye monitora costantemente sono rimasti attivi e aggressivi. Anche se molti di questi attaccanti hanno acquisito nuove capacità, FireEye ne ha monitorato in modo costante la loro attività e questo ha permesso di sviluppare una significativa conoscenza sulle loro motivazioni, sulle loro TTP, ovvero le Tecniche Tattiche e Procedure di attacco e su altri aspetti delle loro operazioni cyber che sono preziose per potersi difendere.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati