Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Libia, l'appello del Papa per la pace nel Paese

Libia, l'appello del Papa per la pace nel Paese

«Per favore», ha ripetuto più volte, rivolgendosi alla comunità internazionale

di Giordano D'Angelo

ROMA - «Preghiamo per la Libia in silenzio, tutti». Così si conclude l’appello del Papa perché si trovi un accordo per raggiungere la pace in Libia. Parole, quelle del Papa, rivolte alla comunità internazionale affinché trovino in Libia «un cammino verso la cessazione delle violenze che porti alla pace, alla stabilità e all'unità del Paese». Così, durante l’Angelus in una Piazza San Pietro di nuovo frequentata dai fedeli, il pontefice ha anche rivolto la propria preghiera a migranti, rifugiati e richiedenti asilo: «Prego anche per le migliaia di migranti, rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni in Libia. La situazione sanitaria ha aggravato le loro già precarie condizioni, rendendoli più vulnerabili da forme di sfruttamento e violenza. C'è crudeltà. Invito la comunità internazionale, per favore - ha ripetuto continuamente il Papa - a prendere a cuore la loro condizione, individuando percorsi e fornendo mezzi per assicurare ad essi la protezione di cui hanno bisogno, una condizione dignitosa e un futuro di speranza».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati