Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Libri Sottolineati: lo strumento social per avvicinare i ragazzi alla lettura e alla scoperta

Libri Sottolineati: lo strumento social per avvicinare i ragazzi alla lettura e alla scoperta

Un mondo di parole e, anzi, di emozioni che accomunano le persone grazie all’uso degli hashtag

di Stefania Abbondanza

ROMA - In un periodo in cui la comunicazione è immagine, Libri Sottolineati vuole ridare la giusta importanza alle parole, alla bellezza del cartaceo, e lo fa proprio attraverso le tanto amate immagini, scattate alle pagine dei libri direttamente dai followers.

I SOCIAL - L'ideatore delle pagine social "librisottolineati", Antonio Roberto, ha notato che nell’era dei social si condividono spesso frasi e citazioni di libri senza conoscerne la provenienza ed il contesto. Da questa osservazione nasce Libri Sottolineati. L’obiettivo è quello di avvicinare i ragazzi alla lettura e alla scoperta, utilizzando strumenti arcinoti ai giovani: Instagram, Facebook e l’aforisma.

IL FUNZIONAMENTO - L’autore e il titolo del libro vengono rivelati direttamente dal profilo. In questo modo il pubblico di Instagram è spinto ad approfondire il contesto e la storia che sottende a quel breve inciso che lo ha in qualche modo colpito.

GLI INTERESSI - Su Libri Sottolineati ogni follower può utilizzare l’hashtag #librisottolineati. In questo modo gli utenti hanno la possibilità di conoscere persone con i loro stessi interessi, di interagire tra loro e confrontarsi, utilizzando la pagina per condividere una suggestione, una sensazione, una riflessione, condensati in una manciata di parole. Parole che prendono colore. Semi neri sparsi su prati bianchi che fanno scoprire sé stessi nelle parole e nei pensieri altrui.

LIBRI SOTTOLINEATI - Una frase al giorno selezionata per ispirare, per spronare, per invitare a riflettere. Più che un profilo una vera e propria community dedicata agli amanti della lettura e della condivisione. Questo è Libri Sottolineati: un mondo di parole e, anzi, di emozioni che accomunano le persone grazie all’uso degli hashtag, al suono di una matita che scorre tra le righe di un libro.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati