Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Lo smart working alla conquista degli hotel

Lo smart working alla conquista degli hotel

DayBreakHotels, la start up che permette di prenotare stanze e servizi degli alberghi di giorno

di Valerio Cruciani

ROMA - Lo smart working conquista anche il mondo dell’hotellerie. Il lavoro agile diventa finalmente comodo e arriva negli hotel grazie a DayBreakhotels.com, la start up che nasce nel 2014 per rendere disponibili anche di giorno stanze e servizi di hotel di lusso in 16 paesi nel mondo. Un’innovazione, quella di DayBreakHotels.com che ha rivoluzionato il concetto stesso di hotel, puntando a massimizzare l’uso delle stanze e dei servizi, che diventano accessibili non solo per il pernottamento e non solo per i turisti ma anche di giorno e per i residenti delle città o per chi viaggia in giornata sia per lavoro o che per vacanza.

L’EMERGENZA - Con l’emergenza Coronavirus, DayBreakHotels.com ha deciso di innovare di nuovo e di mettersi al servizio delle strutture alberghiere, delle società e dei propri clienti. Il mondo degli hotel è in una crisi senza precedenti che solo in Italia ha evidenziato perdite di 100 milioni di euro al mese - come ha riferito il presidente di Federalberghi Roma, Giuseppe Roscioli - con molte strutture rimaste chiuse e con le altre che ancora fanno fatica a ripartire. Per far fronte a questa crisi e aiutare lavoratori e aziende a rispettare le nuove norme anti-Covid, DayBreakHotels.com ha deciso di rivoluzionare di nuovo il ruolo dell’hotel, trasformandolo in un luogo di lavoro agile.

IN HOTEL - Anziché lavorare da casa, le persone potranno ricreare il loro ambiente lavorativo in una lussuosa stanza d’hotel: camera con scrivania e wi-fi, zone business perfette per riunioni e conference call, senza dimenticare gli alti standard di igiene e rispetto di protocolli di sanificazione, con la possibilità di fare un break sfruttando i servizi degli hotel, come palestra, piscina, giardini e ristoranti.Gli hotel diventano così una valida alternativa al lavoro da casa, spesso troppo caotico da gestire e poco efficiente, e a quello in ufficio, per molti ancora impraticabile o legato a spostamenti lunghi con mezzi pubblici e, quindi, meno sicuri.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati