Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Moda

Lo stile industrial per Caoscreo, un connubio particolare

DOiT Centro Stanza (design by: Andrea Radice e Folco Orlandini) è la libreria che funge anche da divisorio

di Stefania Abbondanza

MILANO - Lo stile industrial investe soprattutto sul metallo, che è la sua materia prima, il suo cardine: riguarda infatti tutti quegli ambienti che derivano da ex fabbriche e che sono, appunto, di “ambientazione” industriale. Caoscreo è un brand Terenzi che dal metallo trae originali oggetti di design a metà tra funzionalità ed estetica, giocando sulle dimensioni, sui colori e, soprattutto, sulle forme; è anche la Calamina a poter dire la sua sulla questione, con il suo colore scuro che si staglia sugli Acciai in un'atmosfera da officina, quelli tecnicamente più chiari; d’altronde la Calamina è un ossido dell’Acciaio, e la sua patina cromatica le dà un gusto artistico che la fa apparire come qualcosa di alieno da tutti gli altri metalli, perché spicca per originalità, unicità.

LA LIBRERIA - DOiT Centro Stanza (design by: Andrea Radice e Folco Orlandini) è la libreria che funge anche da divisorio e per questo scopo la versione be natural in Calamina è la più consigliata; per chi preferisce una libreria più “classica”, sempre disponibile nella versione be natural in Calamina, DOiT Parete Creativa è quella che invece si accosta alla parete; lo Stile Industrial si integra a DOiT – e viceversa – anche per la forma rettangolare e “squadrata” di questa, tendente alla semplicità, alla linearità, senza fronzoli barocchi e, appunto, tenendo conto di uno stile minimalista ma mai banale.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati