Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Lula è libero

Lula è libero

Le condanne non sono state revocate, si devono aspettare i ricorsi

di Giacomo Zito

ROMA - Accolta la richiesta della difesa per la scarcerazione dell'ex presidente Lula, in prigione dall'aprile del 2018, sulla base di una decisione della Corte Suprema. Secondo la Corte, un imputato può essere privato della propria libertà solo dopo aver esaurito tutti i ricorsi possibili. Non una assoluzione, quindi, ma un eccesso di zelo garantista.

IN BRASILE - La notizia è stata accolta dai sostenitori dell'ex presidente con estremo sollievo. La scarcerazione del leader della sinistra brasiliana si attendeva da molto tempo e i suoi sostenitori lo avevano sempre supportato, nonostante le due condanne per cui è stato incarcerato. Se dovesse essere completamente assolto, alle prossime elezioni potrebbe tornare a candidarsi così da diventare una vera spina nel fianco all'attuale mandatario Jair Bolsonaro. Alle ultime elezioni, infatti, se si fosse potuto candidare Lula era ancora il leader più forte di tutti, capace di richiamare quasi (se non oltre) il 60% degli elettori. 

VAZA JATO - Tra le tante vicende che hanno suscitato scalpore e severe critiche da parte della sinistra, quella più rilevante ha preso il nome di Vaza Jato e riguarda Sérgio Moro, l'ex giudice che li impose la prima condanna. A suscitare scalpore il leak pubblicato da The Intercept in cui, dalle chat del giudice Moro, sembrerebbe emergere un certo astio nei confronti dell'imputato, tanto da ammettere che lo stesso doveva assolutamente essere fermato dal potersi ricanditare alle elezioni successive, ovvero quelle vinte da Bolsonare stesso quasi un anno fa.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati