Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Manca poco al Film Festival Diritti Umani Lugano

La mostra Landless di Davide Vignati, fra impegno umanitario e fotogiornalismo,

di Federico Marconi

LUGANO - L’Orso d’argento 2019 Grâce À Dieu (Francia-Belgio, 2019, min 137, Francese, sottot. it) di François Ozon e On Va Tout Péter (Francia, 2019, min 109, Francese, sottot. it) di Lech Kowalski, già presentato a Cannes alla Quinzaine des Réalisateurs 2019, sono due fra gli oltre venti titoli proposti dalla sesta edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano in programma dal 9 al 13 ottobre.

I FILM - Entrambi i film, molto dibattuti per la forza e problematicità delle argomenti trattati, acclamati nei festival dove sono stati presentati, affrontano temi di grande attualità: il film di  Kowalski è legato alla questione del lavoro e della delocalizzazione delle risorse umane, il secondo alla pedofilia all’interno della Chiesa, fornendo ampi spazi di confronto nei forum che, come cifra distintiva del Festival, accompagnano la visione dei film. Nel caso di On Va Tout Péter, il regista Lech Kowalski sarà ospite del Festival (gli altri relatori saranno resi noti in occasione della conferenza stampa del Festival).

PRIME - Entrambi i film sono prime cinematografiche: On Va Tout Péter di Lech Kowalski in prima Svizzera, Grâce À Dieu di François Ozon in prima ticinese. In On Va Tout Péter protagonista è la lotta degli operai contro la chiusura definitiva della multinazionale automobilistica in cui lavorano. Momento di crisi che viene evidenziato ed esposto all’opinione pubblica attraverso un concerto, a cui segue un voluto e cercato riverbero mediatico a livello nazionale.

COINVOLGIMENTO - Il film nella sua intensità lascia trapelare il coinvolgimento emotivo dello stesso Kowalski, presente attivamente in tutta la vicenda. Il regista e gli operai scioperanti, in un clima di enorme solidarietà e grande energia inventiva, si spendono per salvare ciò che può ancora essere salvato, facendo pressione sul governo, sui principali clienti della fabbrica  e anche sul potenziale acquirente.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Salvini, l’influencer con l’umanità ad orologeria 6 luglio 2020 10:01

Salvini, l’influencer con l’umanità ad orologeria

L’ultima trovata del leader leghista, intento a cercare nuovi consensi e voti, riguarda la delicata questione tra Hong Kong e Cina

ROMA - “LIBERTÀ PER HONG KONG!”, uno slogan di quelli chiari e precisi. Quattro parole per schierarsi apertamente a favore del territorio autonomo posizionato nel Sudest della...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coronavirus, app Immuni: siete favorevoli o contrari?

Risultati