Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Marmolada - Move To The Top è plastic free, “Senza limiti” e a misura di smartphone

Marmolada - Move To The Top è plastic free, “Senza limiti” e a misura di smartphone

Accessibilità fisica e digitale in un contesto ecosostenibile. Marmolada - Move To The Top introduce la novità tecnologica Geochip per conoscere la montagna

di Stefania Abbondanza

MALGA CIAPÈLA (BL) - Rendere accessibile a tutti il patrimonio culturale e naturalistico della cima più alta delle Dolomiti e delle sue attrazioni: questo l’obiettivo che si pone Marmolada – Move To The Top, l’avveniristico complesso funiviario che dalla fine degli anni Sessanta conduce sulla cima più alta delle Dolomiti, tra panorami mozzafiato, cultura e storia. Già “Senza limiti”, ovvero priva di barriere architettoniche, la funivia punta anche all’accessibilità digitale, proponendo ai suoi ospiti una tecnologia che permette di scoprire e conoscere ancora più facilmente la Marmolada a 360°, con un semplice “bip”.

GEOCHIP - L’iniziativa Geochip verrà presentata domenica 26 gennaio presso la stazione funiviaria di Serauta con l’evento intitolato “Marmolada a portata di bip” per svelare a tutti i segreti di questo nuovo sistema digitale. Grazie ad una semplice app, Geochip permette di scaricare direttamente sul proprio smartphone tutte le informazioni per approfondire la realtà della Marmolada, come la sua storia geologica o le vicende della Grande Guerra. Ogni punto di attrazione è infatti dotato di un adesivo che, semplicemente avvicinando lo smartphone, consente di scaricare una guida digitale e facilmente consultabile con i contenuti informativi utili per conoscere meglio ciò che gli occhi vedono. Dal Museo Marmolada Grande Guerra 3000 m, lo spazio museale più alto d’Europa collocato nella stazione funiviaria di Serauta (2950 m), alla terrazza panoramica di Punta Rocca (3265 m) che offre una delle viste più spettacolari delle Dolomiti. Geochip spiega anche la conformazione delle rocce e l’origine della Marmolada, Regina delle Dolomiti, fin dall’era in cui il territorio era interamente sommerso da acqua e atolli che hanno poi lasciato posto a fossili e roccia. Una narrazione che svela il ritmo vita-morte della natura ripreso anche nel tema della Grande Guerra, dove la vita del soldato viene presentata come una lotta alla sopravvivenza, non direttamente legata al conflitto, ma piuttosto alla difficoltà e ai pericoli connessi alla quotidianità in un ambiente così arduo come quello del ghiacciaio. E ancora, Geochip svela la bellezza della natura, permettendo di ammirare con maggiore consapevolezza le cattedrali di roccia siglate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Quella stessa natura che Marmolada – Move To The Top vuole preservare adottando soluzioni sempre più ecosostenibili, come la scelta di essere plastic free, sostituendo tazzine e bicchieri in plastica con vetro e ceramica, oppure adottando un sistema di trasporto a valle dei rifiuti con speciali botti e a impatto zero.

L'EVENTO - L’evento di domenica 26 gennaio avrà inizio alle 13.30 a Malga Ciapèla con la presentazione del sistema Geochip da parte di Emiliano Oddone di Dolomiti Project. A seguire, sarà possibile salire in funivia alla stazione di Serauta (il biglietto A/R è scontato a € 20 per i pedoni) dove proseguire la scoperta di questo nuovo sistema interattivo. Per l’occasione, presso la sala polifunzionale, il pluripremiato paralimpico Oscar De Pellegrin presenterà il suo libro “Ho fatto centro” che racconta la storia di un uomo, della sua forza e della sua volontà; un uomo messo alla prova da un incidente che lo ha portato a sfidare sé stesso e ogni limite, nonostante le avversità della vita. Personaggio chiave del progetto “Senza limiti”, sostenuto da Marmolada – Move To The Top, Assi Onlus e Fondazione Dolomiti UNESCO per rendere il territorio montano bellunese accessibile a ogni tipo di disabilità, il Campione Paralimpico di tiro con l’arco dedica oggi le sue forze ad abbattere non solo le barriere architettoniche, ma soprattutto quelle culturali. A conclusione della presentazione è previsto inoltre un momento conviviale in quota con panorama mozzafiato incluso.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati