Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

MArteLive festeggia 20 anni. A Roma 300 artisti per 16 discipline e tanti big

MArteLive festeggia 20 anni. A Roma 300 artisti per 16 discipline e tanti big

Appuntamento il 14 e 15 dicembre al Planet di Roma

ROMA - Dagli esordi nel 2001 a due passi dal Gazometro a Roma fino all’espansione in Europa. Il 14 e 15 dicembre MArteLive festeggia i suoi 20 anni con oltre 300 artisti per 16 discipline nella finale regionale del concorso multiartistico più grande d’Europa, insieme ai big ospiti. Fra i protagonisti Pierpaolo Capovilla, Guido Catalano, C’Mon Tigre, Bowland, Hugo Sanchez, Lorenzo Kruger.

LO SPETTACOLO TOTALE - MArteLive è dal 2001 il primo festival multidisciplinare italiano che ha rivoluzionato in Italia il modo di pensare l'Arte. Caratterizzato dal connubio delle differenti discipline artistiche coinvolte, dal loro intersecarsi ed amalgamarsi e dalla simbiosi tra gli interpreti dell’arte – pittori, fotografi, scultori e video-artisti – e performer di danza, musica, teatro, circo contemporaneo, arte circense. Ogni serata MArteLive porta in scena una media di 150 artisti per 16 sezioni artistiche, attive contemporaneamente. Tutte le sezioni hanno come comune denominatore la dimensione live delle performance e la simultaneità e concorrono a realizzare il format MArteLive, che da venti anni è chiamato "lo spettacolo totale". 

UNA CRESCITA CONTINUA E COSTANTE - Nel corso di questi vent’anni la spinta innovatrice del Festival non si è mai arrestata alimentando una crescita continua e costante che è stata resa possibile dallo sviluppo di una rete di collaborazioni e partnership sempre più grande che nell’ultimo anno ha coinvolto anche l’Europa. La prima semifinale europea del concorso MarteLive, infatti, si è svolta lo scorso giugno a Vilnius in Lituania e altre collaborazioni sono in corso con oltre 15 nuovi partner europei.

IL COMPLEANNO - In attesa della prossima Biennale MArteLive prevista per ottobre 2022, che vedrà la partecipazione dei migliori artisti selezionati in tutta Europa e di guest internazionali, il 14 e 15 dicembre al Planet in via del Commercio 36 a Roma si terrà la ventesima edizione di MArteLive, nella sua incarnazione storica, oltre 300 artisti in due serate distribuiti nelle 16 sezioni artistiche: musica, teatro, danza, circo contemporaneo, letteratura, pittura, fotografia, illustrazione e grafica, scultura, street art, artigianato, moda, dj & producer, cortometraggi, videoclip, videoarte. Un tripudio di arte per le finali regionali del concorso multiartistico più grande d’Europa, insieme all’esibizione di tanti guest.

L'APERTURA - Apertura il 14 dicembre con il concerto dei C‘mon Tigre, il collettivo dalle sonorità sospese tra macchine e synth, che solca il Mediterraneo per attraversare ambient, jazz, afrobeat, funk, recente protagonista del live curato da Scuderie MArteLive dalle rovine dell’Appia Antica, nell’ambito del festival Su:ggestiva. In programma anche il reading del noto scrittore e poeta torinese Guido Catalano. Sul palcoscenico Pierpaolo Capovilla, leader del Teatro degli Orrori, che legge Majakovskij a 90 anni dalla morte, una nuova versione della sua lettura scenica di "Eresia". La sezione dedicata alle arti visive prevede l’esibizione di live painting di Davide Cocozza, Silvia Struglia e Giorgia Marzi, , e spazio ad una non stop di proiezioni di video, opere cinematografiche e documentari con la sonorizzazione di film muti, la proiezione dei corti vincitori negli anni, partendo dal primo docufilm vincitore del concorso MArteLive, Peperoni. Esibizioni di acrobatica aerea e virtuosismi circensi di India Baretto nello spazio outdoor. Durante le due serate saranno proiettati i corti vincitori delle ultime due edizioni di CortoLive. Chiude la serata il dj set dai toni onirici, mistici e sempre inusuali di Hugo Sanchez, in una performance estemporanea nella quale guiderà il live painting con le sue suggestioni sonore.

IL 15 DICEMBRE - Il 15 dicembre in apertura il live del duo iraniano BowLand, direttamente dagli schermi televisivi di X Factor, musica dalle atmosfere fluttuanti che affonda le radici nell’elettronica. Segue il concerto di Lorenzo Kruger, frontman dei Nobraino. Incursioni tra musica, danza, campionamenti, video mapping, scultura e fotografia live con il Collettivo Ultraverse, sperimentazioni interdisciplinari con Mela Q, Samovar, Azzurra Tzu Baste, Lou Duca, Andrea Parialò, Miriam Alè, Arianna Balestrieri. In esposizione le opere di Cristiano Quagliozzi e le tele di Giorgia Marzi. In contemporanea nella sala del Cinema, la sonorizzazione di film d’epoca di Valerio Vigliar, e la maratona di proiezioni dei migliori corti e opere di videoarte selezionati in questi 20 anni. 

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo