Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Mascherine: ecco le 6 regole per il giusto utilizzo

Mascherine: ecco le 6 regole per il giusto utilizzo

Vietato metterle in tasca o appoggiarle su mobili e ripiani

di Giacomo Zito

ROMA - Tra le migliori alleate contro la diffusione della pandemia, le mascherine sono diventate un oggetto di uso comune nella nostra vita. Divenute obbligatorie negli spazi confinati o nei luoghi aperti dove non è garantito il distanziamento fisico, è importante oggi più che mai conoscere alcune regole basilari per il loro corretto utilizzo. L’Istituto Superiore di Sanità ha deciso, per questo, di pubblicare un focus dedicato al loro utilizzo pratico. «Le mascherine rappresentano una misura complementare per il contenimento della trasmissione del virus e non possono in alcun modo sostituire il distanziamento fisico, l'igiene delle mani e l'attenzione scrupolosa nel non toccare il viso, il naso, gli occhi e la bocca».

LE RISPOSTE - Dunque, come utilizzare correttamente le mascherine? Sul sito dell’ISS sono state pubblicate le risposte alle domande più frequenti. 

LE DIFFERENZE - Che differenza c'è tra le cosiddette mascherine di comunità e le mascherine chirurgiche? Le mascherine chirurgiche sono le mascherine a uso medico, sviluppate per essere utilizzate in ambiente sanitario e certificate in base alla loro capacità di filtraggio. Rispondono alle caratteristiche richieste dalla norma UNI EN ISO 14683-2019 e funzionano impedendo la trasmissione. Le mascherine di comunità, hanno lo scopo di ridurre la circolazione del virus nella vita quotidiana e non sono soggette a particolari certificazioni. Non devono essere considerate né dei dispositivi medici, né dispositivi di protezione individuale, ma una misura igienica utile a ridurre la diffusione del virus SARS-COV-2. 

LE CARATTERISTICHE - Quali sono le caratteristiche che devono avere le mascherine di comunità? Esse devono garantire una adeguata barriera per naso e bocca, devono essere realizzate in materiali multistrato che non devono essere né tossici né allergizzanti né infiammabili e che non rendano difficoltosa la respirazione. Devono aderire al viso coprendo dal mento al naso garantendo allo stesso tempo confort.

L’OBBLIGO PER I BAMBINI - La mascherina è obbligatoria anche per i bambini? Dai sei anni in su anche i bambini devono portare la mascherina e per loro va posta attenzione alla forma evitando di usare mascherine troppo grandi e scomode per il loro viso.

IL LAVAGGIO - È possibile lavare le mascherine di comunità? Si' se fatte con materiali che resistono al lavaggio a 60 gradi. Le mascherine di comunità commerciali sono monouso o sono lavabili se sulla confezione si riportano indicazioni che possono includere anche il numero di lavaggi consentito senza che questo diminuisca la loro performance. 

QUALI USARE CON SINTOMI - Quali mascherine devo usare nel caso in cui compaiano sintomi di infezione respiratoria? E' necessario l'utilizzo di mascherine certificate come dispositivi medici.

LO SMALTIMENTO - Come smaltire le mascherine? Se è stata utilizzata una mascherina monouso, smaltirla con i rifiuti indifferenziati; se è stata indossata una mascherina riutilizzabile, metterla in una busta e seguire le regole per il suo riutilizzo dopo apposito lavaggio. 

ISTRUZIONI PER L'USO - Prima di indossare la mascherina lavare le mani con acqua e sapone per almeno 40-60 secondi, indossarla toccando solo gli elastici o i legacci e avendo cura di non toccare la parte interna; posizionare correttamente la mascherina facendo aderire il ferretto superiore al naso e portandola sotto il mento; accertarsi di averla indossata nel verso giusto (ad esempio nelle mascherine chirurgiche la parta colorata è quella esterna). Durante l'uso serve continuare ad avere attenzione per la pulizia delle mani, non va messa in tasca e non poggiata su mobili e ripiani.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati