Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Mattarella: “Con la pandemia l’Ue ha preso decisioni coraggiose e innovative”

Mattarella: “Con la pandemia l’Ue ha preso decisioni coraggiose e innovative”

"Il Consiglio di Luglio rappresenta una svolta di portata straordinaria e manifesta un livello di ambizione all'altezza delle aspirazioni”

di Valerio Cruciani

ROMA - Elogio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella all’Europa. Grazie alla pandemia, infatti, l’Ue ha dimostrato la sua “forza propulsiva, la capacità di ritrovare lo spirito dei suoi padri fondatori". Il periodo, infatti, secondo il presidente è stato “uno spartiacque per la Ue che in pochi mesi ha assunto decisioni coraggiose e innovative". In occasione del Forum Ambrosetti a Cernobbio, Mattarella è intervenuto in video, ricordando come le "parole semplici e significative che hanno attenuato il senso di solitudine e smarrimento" di Ursula Von Der Leyen "han fatto seguito azioni concrete. Le Istituzioni hanno rafforzato la coesione europea nel senso dei padri fondatori. In momenti di grande incertezza come questi si deve indicare il futuro”. Quindi, il presidente ha sottolineato come “la Commissione non ha solo dato una esortazione alla solidarietà ma ha fatto un esercizio di funzionalità per indicare una strada da percorrere la cui approvazione non appariva scontata".

LA SVOLTA - "Il Consiglio di Luglio rappresenta una svolta di portata straordinaria e manifesta un livello di ambizione all'altezza delle aspirazioni - ha continuato Mattarella -. Il risultato punto di arrivo e punto di partenza: se con gli strumenti assicureremo la ripresa avremo compiuto un passo importante nel cammino di rafforzamento della coesione e dell'integrazione nell'esercizio condiviso di una sovranità democratica", ha aggiunto il presidente. 

COLLABORAZIONE MULTILATERALE -  "Sempre di più i pericoli e i problemi sono transnazionali e può essere efficace solo una collaborazione multilaterale senza riserve: lo vediamo per esempio in tema di vaccini", ha detto il presidente della Repubblica. "La risposta non poteva che provenire da un ventaglio di iniziative. Ogni livello, mondiale, continentale e statale, è indispensabile in quanto nessuno di questi può essere considerato sufficiente da solo", ha quindi sottolineato.

L’ESORTAZIONE - “Non fare della Ue mera istanza di trasferimento dei fondi - ha quindi esortato il Capo di Stato -. I cittadini vivono con ansia e incertezza questo momento. Il processo di approvazione del Recovery fund deve proseguire con la più grande rapidità per rendere le risorse disponibili già all'inizio del 2021, e velocemente piani nazionali di rilancio. Si tratta di una possibilità unica e forse irripetibile di interventi per assicurare prosperità".

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati