Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Mondodelvino SpA “best practice” italiana

Mondodelvino SpA “best practice” italiana

In certificazione della sicurezza e della sostenibilità sociale

di Federico Marconi

FORLÌ – Passione, ricerca, lealtà. Sono questi principi di politica aziendale che spingono la Mondodelvino SpA a implementare continuamente il proprio sistema di gestione della sicurezza, della salute e della sostenibilità sociale, secondo processi di lavorazione etici e sostenibili per i lavoratori e la società. Buone pratiche e soluzioni all’avanguardia certificate, per un’azienda modello che si pone in controtendenza rispetto alla media nazionale relativa agli infortuni nell’ambiente di lavoro.

GLI INFORTUNI - Mentre in Italia continua a crescere il numero degli infortuni in ambito lavorativo (nel 2018 sono stati oltre 645mila) e l’Unione Europea vara il “new green deal” disegnando il futuro sostenibile dell’Europa, l’azienda vitivinicola italiana Mondodelvino SpA investe nella certificazione della sicurezza e della sostenibilità sociale, conquistando il riconoscimento di “best practice” per il proprio sistema di gestione della sicurezza. L’azienda inoltre è stata tra le prime in Italia a dotarsi della certificazione SA 8000:2014, lo standard che definisce i requisiti di un sistema di responsabilità etica e sociale che dal 2018 ha attestato che le aziende del gruppo nelle sedi di Acqui Terme, Priocca, Forlì e Nespoli rispondono a precisi criteri di responsabilità sociale (o CSR, Corporate Social Responsibility).

IL COMMENTO - «Il sistema di certificazione è importante sia per il suo valore etico che di credibilità sui mercati» – commenta il CEO Marco Martini a seguito del recente riconoscimento che ha visto premiata Mondodelvino SpA tra le migliori ‘Imprese per la sicurezza 2019’. «Ogni anno il nostro gruppo investe il 2% del proprio fatturato in una serie di certificazioni che accreditano Mondodelvino sui mercati internazionali come azienda campione di rigore e trasparenza con una leadership animata da forti valori etici. Sosteniamo con convinzione questi percorsi di certificazione perché sono parte integrante della responsabilità sociale del nostro modo di fare impresa. Le certificazioni che abbiamo intrapreso fin dalla nascita del gruppo» – continua Martini – «costituendo all’interno dell’azienda un team di lavoro composto da 13 persone impegnate nel seguire le varie certificazioni, sono state mosse dalla volontà di seguire valori etici e d’impresa e dalla consapevolezza che la trasparenza dei processi e le garanzie offerte dalla certificazione rappresentano un elemento di servizio diventato complemento indispensabile della qualità del prodotto per il loro successo sui mercati».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Fake news, il virus del XXI secolo 30 marzo 2020 10:01

Fake news, il virus del XXI secolo

Social, chat, immagini, testi e siti internet: sempre più notizie false intasano la nostra quotidianità

ROMA - «Una falsa notizia è solo apparentemente fortuita, o meglio, tutto ciò che vi è di fortuito è l'incidente iniziale che fa scattare l'immaginazione; ma...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coronavirus: il Governo sta agendo bene?

Risultati