Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Nasce una nuova era per la leadership: le caratteristiche del CEO perfetto

Nasce una nuova era per la leadership: le caratteristiche del CEO perfetto

Per quanto riguarda le minacce al business, la prima delle preoccupazioni tra i CEO è quella ambientale

di Valerio Cruciani

MILANO - A loro dire, le aziende sono arrivate a un bivio: o si decide di cambiare il proprio modello di business, o si rischia di sparire dal mercato, in meno di cinque anni. La pensa così il 71% degli amministratori delegati, nella convinzione che la crescita delle loro aziende dipenda in primo luogo dalla capacità di mettere in discussione l'organizzazione attualmente esistente. Ad affermarlo è la ricerca Kpmg Global CEO Outlook 2019, condotta su 1.300 amministratori delegati di 11 tra le principali economie a livello mondiale, Italia compresa.

IL BENE - I CEO, dunque, sembrano ormai convinti che per fare il bene dell'azienda e del marchio sia necessario uscire dalla comfort zone, e quindi ripensare la cultura e i valori aziendali, riqualificare le competenze e definire dei modelli originali di partnership. La grande maggioranza dei CEO intervistati afferma che la cultura da adottare è quella del fail-fast: secondo l'84% degli amministratori delegati, infatti, è necessario imparare ad apprendere in modo tempestivo dai fallimenti, grandi e piccoli.

IL FUTURO - Guardando al futuro, gli amministratori delegati sono perlopiù ottimisti. Stando al 66% dei top manager a livello internazionale, l'economia globale è destinata a crescere nei prossimi 3 anni. In particolare, il 96% degli amministratori delegati italiani è convinto che la propria azienda abbia buone prospettive di crescita per il prossimo triennio.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati