Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Negli Usa è boom di Covid-party: feste per infettarsi e sviluppare gli anticorpi

Negli Usa è boom di Covid-party: feste per infettarsi e sviluppare gli anticorpi

Una pratica già utilizzata per la varicella o il morbillo che preoccupa le autorità locali

di Giacomo Zito

ROMA - In periodo di quarantena ecco che negli Stati Uniti, in particolare nello Stato di Washington, arriva la nuova “moda” dei Covid-party: vere e proprie feste fatte per trasmettere il virus alle persone sane, così da potersi infettare e sviluppare gli anticorpi. L’allarme giunge dalle autorità locali: «È inaccettabile ed irresponsabile - ha commentato Meghan DeBolt, direttrice dell'assessorato alla Sanità della contea di Walla Walla - esporsi deliberatamente ad un contagio è rischioso per chi lo fa e per gli altri». 

LA PRATICA - Una pratica che non è una novità negli Usa. Già in passato si era sentito spesso parlare delle feste organizzate ad hoc tra bambini per passarsi le malattie più comuni come morbillo o varicella, al fine di far nascere gli anticorpi già da bambini. Una pratica che sarebbe inutile in questo caso, se non fosse che si è cominciato a ritenere necessario dal momento in cui si è cominciata a considerare l’idea dei passaporti d’immunità. 

I PASSAPORTI - L’idea che si sta discutendo in questi giorni riguarda la possibilità di rendere legale un documento che certificherebbe l’assenza di rischio di contagio di chi è in possesso di tale documento. Avere gli anticorpi, quindi, darebbe la possibilità di poter girare più liberamente. Una necessità che, a quanto pare, per alcune persone è più importante del rischio di far contrarre il virus, attraverso il proprio contagio, a persone più deboli e meno preparate a combatterlo.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati