Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Nel mondo ci sono circa 118 vaccini contro la Covid-19 in fase di sperimentazione

Nel mondo ci sono circa 118 vaccini contro la Covid-19 in fase di sperimentazione

Di questi solo 8 8 sono testati sugli umani

di Stefania Abbondanza

ROMA - Nel mondo si sta lavorando su circa 118 vaccini contro il nuovo coronavirus. Tra i più promettenti c’è quello dell’azienda statunitense Moderna che ha segnato un traguardo importante per la battaglia contro la pandemia. Lo sviluppo del vaccino è stato compiuto in collaborazione con l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (Niaid) degli Stati Uniti, guidato dall'immunologo Anthony Fauci. Secondo l’azienda, entro luglio si potrebbe cominciare la terza fase di sperimentazione, ovvero l’applicazione su un vasto numero di individui affinché si possa testare l’efficacia sulla popolazione del vaccino.

I TEST SUGLI UMANI - Oltre a quello di Moderna, sono altre sette le aziende che hanno cominciato i test sull’uomo, secondo la lista stilata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). A precedere Moderna per stato d’avanzamento nella sperimentazione c’è l’azienda cinese CanSino Biological, che con l'istituto di Biotecnologia di Pechino ha cominciato i test di fase 2. Rimangono in sperimentazione su un ristretto numero di volontari, invece, i vaccini dell'Istituto dei Prodotti Biologici di Wuhan e Sinopharm, di Sinovac, quello dell'Università di Oxford, i vaccini di BioNTech, Fosun, Pharma e Pfizer e quello della Inovio Pharmaceuticals.

LA CINA - Di tutto il mondo la Cina sembra essere il Paese più vicino alla fine della corsa per il raggiungimento di un vaccino efficace contro il nuovo coronavirus. Infatti, con quattro vaccini arrivati alla sperimentazione clinica, supera Stati Uniti e Gran Bretagna. In merito all’utilizzo futuro del vaccino già sono arrivate le dichiarazioni del presidente cinese Xi Jinping che, durante la 73/a assemblea dell'Oms, ha assicurato che se dovessero trovare il vaccino contro la Covid-19, se ne farebbe “un bene pubblico mondiale".

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati