Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Nelle aree inquinate i tumori ai bambini sono il 7% in più

Questi i dati presentati alla seconda giornata del congresso di pediatria a Roma

di Claudio Carassiti

ROMA – I bambini che vivono nelle aree maggiormente inquinate hanno il 7% in più di possibilità di sviluppare un tumore. «Negli ultimi report dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) sono stati registrati in circa sette anni 1.200 nuovi casi, con un eccesso soprattutto dei sarcomi delle parti molli». A presentare i dati sulle ultime ricerche sui tumori in età pediatrica (0-14 anni) è Antonio Ruggiero, professore associato presso la clinica pediatrica dell’università Cattolica Sacro Cuore di Roma (Unicatt), intervenuto ad un focus dedicato al tema nella seconda giornata del congresso congiunto di pediatria del Lazio all’auditorium della Tecnica a Roma.

LE AREE - Le aree maggiormente a rischio per il livello di inquinamento sono sparse in tutta Italia. Tra le zone più critiche «oltre a quelle che già conosciamo per fatti di cronaca, come la Terra dei Fuochi e l’Ilva di Taranto, ci sono gli insediamenti chimici, soprattutto in Sicilia e, al Nord, la Liguria e il Friuli Venezia Giulia».

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati