Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

中国新闻

张艺谋讲述南京大屠杀

Zhang Yimou ricorda il massacro di Nanchino

di Stefano Venza

“金陵十三钗”,是中国导演张艺谋新的电影,本电影主角是英国演员克里斯丁贝尔(Christian Bale)。1937年12月13日,二战期间中国和日本的战争中,日本军队攻陷了南京,在南京日军犯下很多罪行。按照历史南京大屠杀中,死亡30万多中国人。张艺谋电影的故事讲述1937年的南京大屠杀, 斯图尔特 - 米勒是一个年轻的殡仪业者,他抵达南京埋葬一个牧师。他在中国停留期间, 日军占领南京。避免监狱,他决定模拟他是一个牧师,此外在教堂里保护13个逃避战火的女人。“金陵十三钗”投资6亿元,是中国电影制作最贵的。

13 dicembre 1937, nel mezzo della seconda guerra sino-giapponese, le truppe dell’esercito imperiale giapponese riuscirono finalmente ad entrare a Nanchino,  capitale della repubblica del Guomindang. Testimonianze dirette  hanno affermato che nel corso delle sei settimane che seguirono la conquista, l’esercito nipponico commise tante di quelle atrocità che la storiografia ricordò il momento come “il massacro di Nanchino”. Le vittime furono  oltre 300.000 e ancora adesso il 13 dicembre rimane per i cinesi un giorno di lutto e memoria nazionale. 

Il 17 dicembre è stato ufficialmente presentato “The flowers of war”, la nuova pellicola del cineasta cinese Zhang Yimou. Il film è il racconto di Stuart Miller, giovane impresario di pompe funebri, interpretato dalla star britannica Christian Bale, arrivato nella città cinese per seppellire un parroco.  Le circostanze faranno sì che il protagonista si ritrovi nel mezzo della guerra sino-giapponese.

Per salvarsi si fingerà lui stesso prete offrendo la protezione anche a 13 ragazze cinesi. “The flowers of war” , realizzato e prodotto interamente in Cina, è costato oltre 90 milioni di dollari il che lo ha reso il film più costoso mai realizzato nella Repubblica Popolare .

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati