Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Ognibene: “Iniziativa popolare per tutti gli italiani: restituire i soldi allo Stato su modello Lega”

Ognibene: “Iniziativa popolare per tutti gli italiani: restituire i soldi allo Stato su modello Lega”

Il Consigliere della Regione Lazio è pronto a proporre una Legge di Iniziativa Popolare

ROMA - «Prima di tutto gli italiani» ha dichiarato Daniele Ognibene capogruppo LeU in Consiglio Regionale del Lazio «da oggi ci faremo promotori per una Legge di iniziativa popolare, affinché tutti gli italiani siano uguali davanti allo Stato della Repubblica Italiana per quanto riguarda la restituzione dei soldi, o presi in prestito per mutui, o per rottamazione di cartelle esattoriali generate a qualsiasi titolo dallo Stato; il modello Lega Nord deve essere uguale per tutti. Se per 42 milioni di euro sono stati previsti ottant’anni di rate senza interessi per ripagare una delle truffe ai danni dello Stato, ogni altra operazione di restituzione di soldi deve essere spalmata in ottant’anni. Tale Legge consentirebbe, in un momento di crisi della nostra economia, ad un’azienda o a singoli cittadini di prendere un mutuo o pagare qualsiasi cartella esattoriale in 80 anni, a dare respiro economico a tutte le famiglie e per i giovani che vogliono intraprendere attività economiche. Facciamo un esempio” continua Ognibene se si prende un mutuo di 200.000 euro la rata spalmata in 80 anni sarebbe pagata senza interessi con circa 200 euro al mese invece degli attuali 900 euro. Lo Stato con un'apposita Legge deve prevedere il proprio intervento presso gli Istituti Bancari al fine di rendere possibile economicamente tutte le operazioni costituendo un fondo dedicato».

LA PROPOSTA - «Scriveremo un testo – prosegue Ognibene – per dar vita ad una Legge ad iniziativa popolare raccogliendo le 50.000 firme su un progetto redatto in articoli (art. 71 della Costituzione). Gli articoli 48 e 49 della successiva legge 25 maggio 1970, n. 352, stabiliscono infatti che il progetto, accompagnato dalle firme degli elettori proponenti, deve essere presentato a uno dei Presidenti delle due Camere, il quale lo presenta alla Camera di competenza, la quale deve verificare il computo delle firme e accertare la regolarità della richiesta. Non ci sono limiti se non quelli previsti per l'iniziativa riservata. Se la Legge è uguale per tutti» conclude Ognibene «e non per la Casta al di là delle parole di Salvini, ora dimostrino con i fatti che siamo tutti uguali ed approvino all’unanimità la nostra Legge davvero popolare. Il colore dei soldi non ha ideologie, oggi non esistono più steccati, se un'iniziativa è giusta si deve portare avanti. Vogliamo una legge dove tutti gli italiani abbiano le stesse opportunità che ha la politica. In questo modo tutta l'economia ne beneficerebbe, in particolar modo tutto il settore dell'edilizia e da non sottovalutare che, attraverso questa legge di iniziativa popolare, si potrebbe risolvere o mettere un freno al problema dell'abusivismo di necessità, attraverso una rata del mutuo alla portata di tutti il cittadino sarebbe spinto automaticamente ad acquistare o costruire una casa con tutti i requisiti».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati