Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Patto di asilo e migrazione: i deputati spingono per vie legali e sicure

Patto di asilo e migrazione: i deputati spingono per vie legali e sicure

Percorsi legali per ridurre la migrazione irregolare e colmare le lacune del mercato del lavoro

di Silvia de Mari

BRUXELLES - Il nuovo patto in materia di asilo e migrazione che la Commissione presenterà presto è "un'opportunità per dare un impulso nuovo e tanto necessario alla migrazione legale e sicura".

LA LETTERA - In una lettera al vicepresidente della Commissione Margaritis Schinas e alla commissaria Ylva Johansson, inviata da Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES), presidente della commissione per le libertà civili, a nome della commissione, i deputati chiedono un approccio equilibrato che copra tutti i pilastri della Politica dell'UE in materia di asilo e migrazione, che affronta anche la migrazione sicura e legale.

I CORRIDOI - Insistono sul fatto che il sistema europeo comune di asilo deve essere integrato da un quadro di reinsediamento dell'Unione europea e da corridoi umanitari, ma sottolineano che la migrazione sicura e legale è molto più ampia. Fornire rotte legali e sicure per la migrazione connessa al lavoro è la chiave per ridurre la migrazione irregolare, nonché i rischi che le persone cercano di raggiungere l'Europa cercano di raggiungere l'Europa, sottolineano i deputati.

MERCATO - Offrire ai cittadini di paesi terzi che desiderano lavorare nell'Unione europea un percorso lecito per farlo potrebbe integrare i partenariati con i paesi terzi già esistenti e contribuire a colmare le lacune nel mercato del lavoro, garantendo al contempo che i cittadini di paesi terzi che colmano queste lacune siano trattati allo stesso modo e non sfruttato, osserva la lettera.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Silvia Romano, il clamore che non serviva 18 maggio 2020 10:02

Silvia Romano, il clamore che non serviva

Il caso mediato del momento sta scoprendo il lato più brutto del popolo italiano

Silvia Romano, la cooperante di una onlus rapita in Kenya nei pressi del villaggio di Chakama nel 2018, ha fatto il suo rientro in Italia lo scorso 11 maggio 2020, dopo aver trascorso circa 18 mesi...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati