Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Per “Anfiteatro sotto le stelle” ad Arezzo arriva il teatro di Natalino Balasso

Per “Anfiteatro sotto le stelle” ad Arezzo arriva il teatro di Natalino Balasso

Alle ore 21.30 in scena “Recital”, appuntamento della rassegna Summer DreamLand realizzata con la Fondazione CR Toscana

di Stefania Abbondanza

AREZZO - Per “Anfiteatro sotto le stelle”, ad Arezzo arriva il teatro di Natalino Balasso: lunedì10 agosto alle ore 21.30, l’amatissimo attore comico sarà protagonista del cartellone estivo che - fino a metà settembre – propone cultura in uno dei luoghi più belli e magici della città. Ad Arezzo Balasso propone “Recital”, una raccolta di brani comici tratti dai suoi ultimi spettacoli. L’appuntamento, che porta il marchio dell’Associazione culturale aretina La Filostoccola, è organizzato in collaborazione con la Fondazione Guido d’Arezzo, e s’inserisce all’interno della rassegna estiva Summer DreamLand, realizzata dall’associazione culturale La Filostoccola, da anni vera anima del Teatro Virginian, grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. “Siamo orgogliosi di poter porre la nostra firma su uno degli eventi che animano l’estate aretina nella splendida cornice dell’Anfiteatro romano – spiega l’attore Daniele Marmi, presidente de La Filostoccola e direttore artistico del Teatro Virginian. - Anche in questa estate 2020, reduci da un periodo d’emergenza affatto semplice, continuiamo a perseguire il nostro obiettivo: portare ad Arezzo il meglio del teatro italiano. ‘Recital’ è uno spettacolo di gran qualità e Natalino Balasso è un personaggio poliedrico e di grande caratura culturale che non ha certo bisogno di presentazioni. Con lui, porteremo ad Arezzo la voglia di tornare a ridere e divertirci in una serata che si prospetta ricca di emozioni e spensieratezza”.

RECITAL - Al centro di una tournée che, in queste settimane, Natalino Balasso sta portando in giro fra le maggiori città italiane, “Recital” è uno spettacolo che racchiude una raccolta di brani comici tratti dagli ultimi spettacoli teatrali dell’artista veneto. Attore, comico e autore di teatro, cinema, libri e televisione, ha debuttato in teatro nel 1990 per poi sperimentare tutte le forme di spettacolo e i vari mezzi di comunicazione. Negli anni, ha scritto numerosi spettacoli tra cui la commedia “Dammi il tuo cuore, mi serve” (2003), i monologhi “Ercole in Polesine” (2004), “La tosa e lo storione” (2007), “L’idiota di Galilea” (2011), “Stand Up Balasso” (2011), “Velodimaya” (2014).  Nel corso della sua carriera ha lavorato con alcuni dei più importanti registi della scena italiana contemporanea tra cui Serena Sinigallia, Valerio Binasco, Jurij Ferrini e Gabriele Vacis spaziando con le sue interpretazioni e portando in scena testi che spaziano dai classici di Carlo Goldoni alle commedie di Checov, passando dagli scritti di Alessandro Baricco. Volto noto del piccolo schermo per le sue partecipazioni a numerose fiction e film tv, in ambito cinematografico è stato diretto da registi del calibro di Alice Rohrwacher, Carlo Mazzacurati e Massimo Venier: un percorso che lo ha portato alla realizzazione, nel 2020, del suo primo mediometraggio dal titolo “Io sono io, io non sono gli altri”. Autore di una raccolta di racconti e tre romanzi di grande successo, è anche autore ed interprete di apprezzati video comici di analisi sociale pubblicati su “Telebalasso”, canale Youtube con oltre 28 milioni di spettatori. 

IL CARTELLONE - Lo spettacolo si inserisce nel cartellone estivo “Anfiteatro sotto le stelle” voluto da Comune di Arezzo e Fondazione Guido d’Arezzo e realizzato in collaborazione con la Direzione regionale musei della Toscana, con la collaborazione della Fondazione Arezzo Intour. Main sponsor Coingas Spa. Con il contributo di Camera di Commercio Arezzo-Siena, Tesi Srl.

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati