Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

Per il cervello ciò che teniamo in mano è parte del nostro corpo

Per il cervello ciò che teniamo in mano è parte del nostro corpo

Un recente studio ha dimostrato che la nostra sensibilità verso gli oggetti che teniamo in mano aumenta sensibilmente, come se fossero parti del nostro corpo

di Martina Turco

ROMA - Il nostro cervello percepisce gli oggetti che teniamo in mano come se fossero parti del corpo. La scoperta è di un gruppo di ricerca internazionale a cui hanno partecipato anche l'Università di Milano-Bicocca, l'Ircss Istituto Auxologico Italiano e l'Università di Trento. La notizia è stata pubblicata sulla rivista Current Biology.

LO STUDIO - Per svolgere lo studio sono state prese 16 persone a cui è stato chiesto di tenere in mano un bastone, mentre questo veniva colpito dall’esterno. Tutti i partecipanti all’esperimento sono stati in grado di percepire con precisione il luogo esatto dove avveniva l’impatto, come se si trattasse di un pezzo del proprio corpo. Quindi, attraverso un elettroencefalografia (Eeg), i ricercatori hanno scoperto che la posizione dell'impatto sullo strumento veniva decodificata dalla stessa zona del cervello che si sarebbe dovuta attivare per un contatto diretto con il corpo. Da questo si è supposto che il cervello utilizzi lo stesso procedimento anche per gli oggetti che tiene in mano.

IL COMMENTO - «Questi risultati - commenta Nadia Bolognini, docente di Psicobiologia e psicologia fisiologica dell'Università di Milano-Bicocca - suggeriscono che sarà possibile, in un futuro non troppo lontano, progettare neuro-protesi sempre meno invasive e performanti generando in esse segnali tattili che forniscono risposte ottimali nel contatto con gli oggetti. Ciò potrebbe essere realizzato sfruttando il meccanismo identificato nel nostro studio, che permetterà al paziente di localizzare stimoli tattili su una protesi in modo naturale e facilitando così l'uso della protesi come se fosse un vero e proprio organo sensoriale esteso».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati