Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Pinuccia Montanari chiarisci la situazione rifiuti a Roma

L'ex assessora in un'intervista a Radio Cusano: «Non condividevo con la Regione l’utilizzo delle discariche»

di Claudio Carassiti

ROMA - Pinuccia Montanari, ex assessora all'ambiente di Roma Capitale, intervistata nel corso della trasmissione “L’Italia s’è desta” di Radio Cusano Campus, ha detto: «La Regione deve fare i piani, cioè dare un indirizzo strategico e intervenire sulla tipologia degli impianti. Noi abbiamo sempre trovato un dialogo aperto con Regione e Ministero. La Regione non è che ci abbia mai messo i bastoni tra le ruote. Non condividevo con la Regione l’utilizzo delle discariche. Se il nostro piano fosse realizzato nei tempi indicati non ci sarebbe bisogno di discariche».

IL COMMENTO - «L’attenzione sulla situazione di Roma non deve mai cadere sui tre grandi problemi strutturali e contingenti: il primo è accelerare con la raccolta differenziata ed è quello che noi avevamo provato a fare con la governance di Lorenzo Bagnacani all’Ama. I 310mila abitanti che Ama aveva raggiunto con il nuovo porta a porta significavano una risposta strutturale. Questa cosa andava fatta e continuata, invece sembra che da diversi mesi tutto il cronoprogramma stia andando a rilento. Il secondo punto è la gestione dei flussi, ogni giorno in Ama occorreva analizzarla per sapere come gestire i flussi in uscita. Così facevamo con Bagnacani per avere una proiezione settimanale, mensile e annuale. Il terzo tema è la progettazione degli impianti. Nel piano di Ama c’erano 13 impianti e su questo era stato costruito un percorso che andava ad intercettare sia la raccolta differenziata sia quella indifferenziata».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Covid-19, non è andato tutto bene 27 luglio 2020 10:01

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati