Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Moda

Pitti Immagine Super: Super Talents da tenere d'occhio

Pitti Immagine Super: Super Talents da tenere d'occhio

Focus sull’accessorio luxury con le proposte di sette designer internazionali

di Giordano D'Angelo

MILANO - Con l’area speciale Super Talents, Pitti Immagine Super afferma fin dalla sua prima edizione il suo DNA di piattaforma globale di talent scouting. I protagonisti di questo focus sono infatti i creativi più interessanti del panorama fashion, anche dagli scenari emergenti della moda, e le nuove promesse del design di ricerca, selezionati in collaborazione con Sara Sozzani Maino di Vogue Italia e Vogue Talents. A questa edizione, riflettori puntati su una selezione di 7 designer da tutto il mondo che lavorano sulconcetto diaccessorio luxury, con una serie di proposte ad alto tasso creativo.

I DESIGNER - Ecco i loro nomi: Acchitto (Italia), Helena Bajaj Larsen (Francia), INDACO (Italia), Juárez Camacho(Messico), Malaga4 (Italia), WoRN (Svizzera), Zyne Official (Marocco).

ACCHITTO - Elena Faccio e Francesca Richiardi si conoscono presso l’ufficio stile di una prestigiosa maison italiana e decidono insieme di dare vita al lancio della loro linea di gioielli: Acchitto, una parola che significa farsi belle, agghindarsi in maniera vezzosa. Protagonisti della collezione sono i volti ispirati ai mori siciliani e veneziani che possono essere smontati e trasferiti da un pezzo all’altro creando bijoux sempre nuovi e collezionabili.

HELENA BAJAJ LARSEN - Dopo una laurea in #fashion Design presso la Parsons School of Design - inizia a focalizzarsi sulla progettazione tessile. Per le sue collezioni predilige i tessuti indiani e sete dipinte a mano. Ma il materiale di elezione è il khadi, il cotone simbolo del movimento di indipendenza guidato dal Mahatma Gandhi.

INDACO - Il debutto del duo creativo formato da Pamela Costantini e Domitilla Rapisardi è affidato alla collezione “L'ora blu”: una decollété rigorosa e seducente, uno stivaletto allacciato, uno stivale al ginocchio con punta squadrata, una babouche in raso, una d’orsay e un sandalino con tacco gioiello per lasciarsi alle spalle la routine quotidiana e apprestarsi a vivere la sera. Una curiosità: le due “i” del brand simulano il numero 11: il mese di novembre, quando sono nate le due designer.

JUAREZ CAMACHO - Juárez Camacho riflette la cultura e le tradizioni messicane, e mira ad adattare le tecniche artigianali classiche all’epoca contemporanea. Attraverso un continuum di silhouettes e materiali che identificano gli accessori del marchio, la nuova collezione fa rivivere gli elementi dei paesaggi messicani: tonalità di marrone, nero e bordeaux danno vita a uno scenario bucolico che contraddistingue borse, giacche e accessori in pelle.

MALAGA 4 - Malaga 4 è una vecchia fabbrica dove stoffe, nastri e cordoni, frutto di passione e ricerca nei mercatini e negli atelier di tutto il mondo, riprendono forma e danno vita a diversi modelli di borse. Dalla classica tracolla ‘postino’, alla piccola formato ‘mini’ per arrivare alle pochette di varie dimensioni. A firmare quest’idea Monica Dolfini, stylist di fama internazionale, ed Elena Vannucci, ex modella e producer di importanti campagne pubblicitarie.

WORN - Worn è uno studio di design al femminile con sede a Ginevra. L'omonimo brand propone una visione radicale di borse-contenitori chiamate "bag-like objects". Creazioni da indossare, declinate in dimensioni diverse: clutch, shoulder bag e tracolle. Tutti i pezzi sono realizzati dai maestri pellettieri toscani. Una filosofia originale e un design minimalista grazie ai quali il brand è stato tra i primi tre finalisti dell'Andam fashion Award 2018 - Category Accessories Prize.

ZYNE OFFICIAL - Zineb Britel è una designer marocchina nata a Casablanca che, insieme a Laura Pujol, la sua migliore amica e partner commerciale, ha fondato Zyne Official con la missione di far incontrare le tradizionali calzature marocchine, conosciute come "babouche", e l’artigianato nel XXI secolo. Nate negli anni '90, le due designer propongono uno stile ancorato all’atmosfera rilassata e multiculturale resa popolare dalla loro generazione.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati